Home Concorsi pubblici Maturità 2019, online le simulazioni prima prova: tracce, temi, autori

Maturità 2019, online le simulazioni prima prova: tracce, temi, autori

Chiara Arroi
maturità 2019

Il ministero ha pubblicato online, come annunciato gli esempi o simulazioni della prima prova, che gli studenti del 5° anno si troveranno ad affrontare per aggiudicarsi la Maturità 2019. Tutto è pubblicato sul sito del Miur, alla pagina “Esame di stato”, la sezione dedicata alla pubblicazione degli esempi di prove,

Vediamo in dettaglio come dovrà essere affrontato l’Esame di stato 2019 e come accedere alle tracce della prima prova.

Esami di Stato 2019: la struttura

La maturità o Esame di Stato, per entrambi i cicli, si articola in più prove scritte e in un colloquio. In particolare:

  • per il primo ciclo le prove scritte sono tre, predisposte dalle singole commissioni d’esame,
  • per il secondo ciclo le prove scritte sono due: la prima è comune a tutti gli indirizzi di studi, mentre la seconda è specifica per l’indirizzo frequentato.

Agli scritti segue un colloquio. Per il primo ciclo ha un carattere pluridisciplinare. Per il secondo ciclo si svolge sulla base degli obiettivi specifici di apprendimento del corso ed in relazione alle discipline che caratterizzano il percorso di studi.

Leggi anche “Maturità 2019, novità Miur: come cambia l’esame”

Maturità 2019: il link alle tracce

Gli esempi di prova saranno pubblicati in un’apposita sezione del sito del MIUR dedicata agli Esami di Stato a partire dalle ore 8.30 dei giorni indicati in calendario. Saranno perciò utilizzabili dalle scuole a partire da tale ora.

Questa sezione è navigabile a questo link

Simulazioni della prima prova: ecco le tracce

Per quanto riguarda quelle appena pubblicate, si tratta della prima tornata: prova scritta di Italiano. Sette proposte di temi, divise in tre grandi argomenti: letterario (due), argomentativo (tre) e argomentativo su questioni di attualità (due).

Sul sito si possono scaricare gli esempi. Questi non sono altro che un anticipo di ciò che gli studenti si troveranno ad affrontare a giugno, sui banchi dei prossimi Esami di stato.

Tra le tracce ci sono queste:

  • Il primo titolo proposto chiede l’analisi e l’interpretazione della poesia “Patria” di Giovanni Pascoli
  • Il secondo testo letterario offerto è “La storia” di Elsa Morante.
  • C’ poi un blocco argomentativo con tre testi proposti. Il primo, il concetto di “storico” in Arnaldo Momigliano a cui si accompagnano cinque quesiti. Il secondo testo argomentativo è sui diritti umani.  

La comprensione, l’analisi e l’interpretazione del testo “Patria” di Pascoli e l’analisi e l’interpretazione del testo storico di Elsa Morante “La storia” del 1974 sono state proposte come tipologia di prova di tipo A.

Per la prova di tipo B si può scegliere tra il riassunto e l’analisi di un testo di Claudio Pavone, che è stato archivista e docente di Storia contemporanea, oppure un testo di Antonio Cassese, “I diritti umani oggi”, o infine una prolusione del prof. Carlo Rubbia, “La scienza e l’uomo”, pronunciata in occasione della inaugurazione anno accademico 2000/2001, all’Università degli studi di Bologna.

Infine la riflessione critica su un passo dello Zibaldone di Leopardio su una citazione da un passo dello psichiatra Vittorino Andreoli, “L’uomo di vetro. La forza della fragilità”, come terza possibilità, la cosiddetta prova C.

Come spiegato nella sezione apposita (accessibile a questo link) è possibile accedere agli esempi delle tracce delle prove scritte presenti in archivio selezionando l’anno scolastico di interesse dalla lista “Anno scolastico”.

E noi lo facciamo. Da questa scelta derivano i link sotto riportati con le tracce della prima prova:

C’è anche la versione Word di queste prove. Per agevolare la fruizione delle prove, anche con riferimento ad alunni con particolari esigenze di personalizzazione del formato, infatti queste sono pubblicate in formato docx e pdf.
Il formato docx permette alle scuole di modificare le prove secondo le specifiche necessità dei ragazzi. Eccole qui

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome