Un nuovo disegno di legge si prepara a innovare le regole stradali, in particolare per i ciclisti. Non dovranno più essere costretti a stare in colonna ai semafori, a respirare smog e inquinamento di ogni sorta. Avranno una corsia preferenziale debitamente segnalata. Potranno poi andare contromano nei centri abitati con velocità 30 km orari. E potranno anche circolare sulle corsie preferenziali, ora riservate ai taxi e agli autobus.

Sono molte le novità del disegno di legge, firmato 5 stelle-Lega, che riforma il Codice della strada, il cui testo è in queste ore in discussione in Commissione trasporti della Camera e si preannuncia come una piccola grande rivoluzione per gli amanti della bicicletta

Ecco qualche novità in più su questa riforma.

Leggi anche “Stop targa estera 2019: divieti e sanzioni, le novità”

Nuovo codice della strada: ciclisti contromano e in corsie preferenziali

Come accennato, i poveri ciclisti abituati a farsi lunghe code al semaforo rosso, respirando i più neri e acri fumi dei carburanti auto e moto, potrebbero da qui a poco avere vita più facile. Nel disegno di legge in discussione infatti è previsto che chi è in sella su una bicicletta al semaforo debba avere a disposizione una sorta di spazio ad hoc, una striscia di arresto avanzata. Saranno i comuni a dover indicare una doppia linea davanti ai semafori e agli stop. In Olanda, dove si sa i ciclisti hanno tutta un’altra considerazione, è già realtà. In Italia potrebbe diventare una prima rivoluzione.

Sempre i ciclisti potranno inoltre transitare sulle corsie preferenziali, quelle che di norma sono riservate a taxi e autobus.

C’è di più: i ciclisti potranno anche circolare contromano nei centri abitati dove la velocità massima è di 30 km orari. Questo “indipendentemente dalla larghezza della carreggiata e dalla massa dei veicoli autorizzati al traffico”. Dovrà però essere il sindaco a dover emanare un’ordinanza in tal senso, la possibilità di “circolare anche in senso opposto a quello di marcia rispetto agli altri veicoli” deve essere appositamente segnalata da un pannello.

Nuovo codice della strada: parcheggi “rosa” e niente fumo in auto

Il testo prevede parcheggi “rosa” per le donne in gravidanza. Dovranno essere i Comuni a predisporli. Inoltre viene confermata per gli automobilisti la stretta sull’uso dello smartphone alla guida e il divieto di fumare in auto in caso di presenza di bambini.

Nuovo codice della strada: regole per skate e monopattini

Con il disegno di legge M5s-Lega skateboard, monopattini e hoverboard entrano a far parte per la prima volta del codice della strada. Non si sa ancora se farli circolare solo sulle piste ciclabili o meno. Si stanno però studiando apposite regole a loro riservate.

Bollo auto: riduzione del 50 per cento

Ricordiamo anche che con la Legge di bilancio 2019 è arrivato anche il bollo auto dimezzato per auto con più di 20 anni.

In pratica con auto ultraventennali si può ottenere una riduzione del 50 per cento di quanto dovuto di bollo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome