riscatto laurea agevolato 2019

Nel decreto istitutivo del reddito di cittadinanza e “quota 100”, approvato nel Consiglio dei Ministri dello scorso 17 gennaio, è stata inserita una misura relativa al riscatto laurea agevolato 2019, ovvero l’inserimento degli anni di studio universitari ai fini pensionistici, che prevede il pagamento di una somma a forfait per ogni anno riscattato.

L’inserimento viene effettuato all’articolo 20 del suddetto decreto il quale prevede in via sperimentale, e per il triennio 2019-2021, che gli iscritti all’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti dei lavoratori dipendenti, ed alle forme sostitutive ed esclusive della medesima, nonché alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, e alla gestione separata, privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 e non già titolari di pensione, hanno facoltà di riscattare, in tutto o in parte, i periodi antecedenti alla data di entrata in vigore del citato decreto compresi tra la data del primo e quello dell’ultimo contributo comunque accreditato nelle suddette forme assicurative. La misura massima di tali periodi  è di cinque anni anche non continuativi.

Consulta lo speciale Quota 100 e Reddito di cittadinanza 

Il comma 6 in particolare del citato articolo 20, integra l’articolo 2 del D.lgs 184 del 30 aprile 1997 sui riscatti della laurea con l’inserimento del comma 5-quater.

Viene in particolare prevista una nuova modalità di riscatto degli studi universitari, tuttavia valida solo per arrivare prima alla pensione, non incidendo sulla misura dell’assegno.

La modifica non modifica le forme di riscatto tradizionali, ma aggiunge una diversa opzione. Il nuovo riscatto della laurea sarà consentito ai soggetti che non hanno compiuto ancora i 45 ani di età, e ha costi inferiori dell’opzione ordinaria.

Le forme di riscatto tradizionali non vengono eliminate, ma si aggiunge una possibilità in più conveniente.

Consulta lo speciale Legge di bilancio 2019

Riscatto laurea agevolato 2019: requisiti di accesso

Per accedere alla nuova opzione per il riscatto degli anni universitari, vi è principalmente un requisito anagrafico, ovvero bisognerà avere meno di 45 anni di età (quindi tutti i nati dopo il 1974 che nel 1995 frequentavano ancora l’università).

Ciò dunque non riguarderà chi aspira alla quota 100, in quanto dovrà aver compiuto 62 anni entro il 31 dicembre 2018.

Il secondo requisito prevede che il riscatto agevolato, è previsto solo per i periodi da valutare con il sistema contributivo.

Leggi anche “Reddito di cittadinanza e Quota 100: decreto approvato, ecco i punti chiave”

Gli anni riscattabili (laurea, dottorato di ricerca privo di contribuzione ecc.), si dovranno collocare in periodi che per l’assicurato siano di competenza del metodo contributivo.

Chi ha meno di 45 anni, e vuole riscattare un periodo anteriore al 1996 che sia, nella propria posizione assicurativa, di competenza del metodo di calcolo retributivo, non potrà riscattare con il nuovo metodo.

Riscatto laurea agevolato 2019: quanto costa riscattare

Nel calcolo del riscatto, si conteggiano gli anni di durata legale del corso di laurea, anche se per arrivare alla stessa vengono impiegati più anni (non valgono quindi gli anni fuori corso).

Il costo del riscatto agevolato è calcolato moltiplicando l’aliquota Ivs vigente (33%) per il reddito minimo  della Gestione Inps di artigiani e commercianti, pari a 15.710 euro nel 2018, con una spesa di 5.185 euro circa per ogni anno da riscattare.

Si può affermare che l’importo varia tra i 15mila euro per una laurea breve e i 25mila per un corso di laurea completo.

Questo metodo è sicuramente meno costoso di quello tradizionale per i periodi contributivi, che prende invece come riferimento non una base forfettaria, ma l’ultima retribuzione imponibile del lavoratore prima della richiesta per applicare il 33%.

Un lavoratore in regime contributivo, che guadagna circa 40.000 euro lordi con il metodo ordinario pagherebbe poco più di 13mila euro l’anno, con il nuovo metodo pagherà poco più di 5mila euro l’anno, il

risparmio con il suddetto metodo cresce all’aumentare del reddito.

Riscatto laurea agevolato 2019: simulazione su sito Inps

Considerato per certo che è sicuramente sempre più conveniente riscattare gli anni una volta terminati gli studi, si segnala sul sito dell’Inps la possibilità di simulare, e dunque valutare se conviene riscattare o meno i titoli. Nello specifico accedendo con le proprie credenziali, si può calcolare con una simulazione quanto costerebbe l’operazione con le regole vigenti, secondo il reddito e l’età anagrafica.

Potrebbe interessarti anche l’E-book sulla Legge di bilancio 2019:

Legge di Bilancio 2019

Legge di Bilancio 2019

Giuseppe Moschella, 2019, Maggioli Editore

A fine anno e in extremis è stato dato il via libera definitivo da parte della Camera dei Deputati alla Legge di bilancio 2019. Questo nuovissimo ebook esamina le novità introdotte dalla Legge n. 145 del 30 dicembre 2018, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 31 dicembre 2018 ed entrata in...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome