Home Welfare Famiglie Assegni familiari 2019: a chi spettano e i nuovi limiti. Novità Inps

Assegni familiari 2019: a chi spettano e i nuovi limiti. Novità Inps

Paolo Ballanti
assegni familiari 2019

Dal 1° gennaio 2019 cambiano i limiti di reddito ai fini della cessazione o riduzione della corresponsione degli assegni familiari oltre alle soglie mensili per l’accertamento del carico familiare. Come ogni anno, a comunicare i nuovi valori è l’INPS con circolare n. 125/2018.

Le modifiche riguardano i soggetti esclusi dalla normativa sugli assegni per il nucleo familiare (cosiddetti ANF di regola anticipati dal datore a beneficio dei lavoratori dipendenti):

  • Coltivatori diretti;
  • Coloni;
  • Mezzadri;
  • Piccoli coltivatori diretti.

I soggetti citati hanno diritto agli assegni familiari per:

  • Coniuge (o parte dell’unione civile);
  • Figli legittimi ed equiparati;
  • Fratelli e sorelle;
  • Genitori ed equiparati (patrigno, matrigna, adottanti, affilianti e coloro cui il lavoratore sia stato affidamento a suo tempo dagli organi di legge);
  • Altri ascendenti in linea diretta (ad esempio i nonni).

L’importo degli assegni è pari a:

  • 8,18 euro mensili spettanti a coltivatori diretti, coloni e mezzadri per ogni figlio o equiparato;
  • 10,21 euro mensili spettanti ai piccoli coltivatori diretti per coniuge, figli o equiparati;
  • 1,21 euro mensili spettanti ai piccoli coltivatori diretti per genitori ed equiparati.

Naturalmente la corresponsione degli assegni è soggetta a limiti di reddito e di carico familiare per il cui aggiornamento è intervenuta la circolare INPS. Vediamo nel dettaglio cosa prevede.

Scarica la Circolare Inps 

Assegni familiari 2019: a chi spettano

Il contributo erogato viene calcolato in base ai componenti del nucleo e al reddito. In linea generale comunque possono beneficiare degli assegni al nucleo familiare:

  • i lavoratori dipendenti;
  • i lavoratori dipendenti agricoli;
  • i collaboratori domestici;
  • i titolari di pagamenti diretti;
  • i lavoratori parasubordinati (ad esempio collaborazioni occasionali)
  • i pensionati ex dipendenti;
  • i lavoratori che percepiscono prestazioni dall’Inps (esempio la Naspi, maternità, congedo);

Entrando nel dettaglio del nucleo familiare potenziale beneficiario degli assegni familiari, può essere così composto:

  • il richiedente (lavoratore o pensionato);
  • il coniuge o unito in unione civile;
  • i figli ed equiparati di età inferiore a 18 anni (anche se non conviventi);
  • i figli ed equiparati maggiorenni inabili, purché non coniugati;
  • i figli ed equiparati, studenti o apprendisti, di età superiore ai 18 anni e inferiore ai 21 anni, purché facenti parte di “nuclei numerosi” (con almeno quattro figli, tutti di età inferiore ai 26 anni);
  • fratelli, sorelle del richiedente e nipoti, minori o maggiorenni inabili, solo se orfani di entrambi i genitori, non hanno diritto alla pensione superstiti e non sono sposati;
  • i nipoti in linea retta di età inferiore ai 18 anni, e a carico dell’ascendente.

Consulta lo speciale Welfare 

Assegni familiari 2019: limiti di reddito familiare

La circolare fornisce innanzitutto (allegati dal n. 1 al n. 4) i limiti di reddito familiare ai fini della cessazione ovvero riduzione della corresponsione degli assegni valevoli per il 2019. Questi infatti vengono rivalutati ogni anno in base al tasso di inflazione arrotondato ai centesimi di euro (pari all’1,7% ultimo dato disponibile perché relativo al 2018).

Le tabelle con i limiti di reddito sono quattro, ognuna di esse è divisa in due colonne contenenti rispettivamente:

  • I limiti di reddito familiare oltre i quali cessa la corresponsione dell’assegno per il primo figlio e per il genitore a carico e relativi equiparati;
  • I limiti di reddito familiare oltre i quali cessa la corresponsione di tutti gli assegni familiari.

Dicevamo che le tabelle sono quattro:

  • Tabella 1 contiene i limiti di reddito applicabili nella generalità dei casi;
  • Tabella 2 contiene i limiti di reddito maggiorati del 10% qualora il richiedente la quota per figli ed equiparati minori sia vedovo, divorziato, separato legalmente, abbandonato, celibe o nubile;
  • Tabella 3 riporta i limiti di reddito maggiorati del 50% qualora il nucleo familiare comprenda persone totalmente inabili;
  • Tabella 4 con i limiti di reddito maggiorati del 60% qualora ricorrano entrambe le condizioni citate nei punti precedenti.

Assegni familiari 2019: limiti di reddito mensile

Il diritto agli assegni sorge in relazione ai singoli familiari che non siano economicamente autosufficienti, da intendersi come coloro il cui reddito individuale non supera un limite mensile, pari alla pensione minima oltre ad 1/12 di tredicesima mensilità (il tutto maggiorato del 30%).

Considerato che per il 2019 il trattamento minimo per il Fondo pensioni lavoratori dipendenti è fissato in 555,76 euro mensili i limiti di reddito per l’accertamento della non autosufficienza economica sono pari a:

  • 722,49 euro per coniuge, genitore, figlio o equiparato;
  • 264,36 euro per due genitori ed equiparati.

I limiti si estendono anche a fratelli, sorelle e nipoti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

25 COMMENTI

  1. Buongiorno volevo sapere se io sono residente in un paese e mio figlio con suo padre in un altro paese posso fare io richiesta di percepire assegno famigliare?

  2. Salve. Lavoro da un anno come badante . 600 €mensile. Avendo 2 figli minorenni posso chiedere assegno famigliare. ? Stato di famiglia..2 minorenni 1 adulto(io) 1 pensionato con il redito zero.. Se è possibile: quando dovrei presentare la domanda, e cosa mi aspetta..Grazie

  3. Salve mi è stato detto che io non ho diritto agli assegni familiari .Lavoro come aiuto cuoca part time (24 ore settimanali) ho quattro figli (3minori) e due di loro sono invalidi.Ho fatto domanda a luglio e mi è stata rifiutata.Mi hanon dato come spiegazione che il mio reddito non supera il 70% della voce altri redditi .Ho percepito infatti Assegni dei 3 figli e 5 mesi di sia.com’è possibile che non ho diritto una famiglia numerosa .Ho il reddito basso e ti autorizzano a prendere gli aiuti comunali per poi non potendo prendere gli assegni.È veramente così a chi posso rivolgermi. La prego mi aiuti a fare chiarimenti.

  4. Salve, in caso di variazione retributiva durante l’arco dell’anno cosa bisogna fare per l’adeguamento degli assegni familiari?

    • Salve Denica, certo. Da dipendente lei può presentare domanda di Assegni al nucleo familiare. Hanno infatti diritto agli ANF:
      – i lavoratori dipendenti e dipendenti agricoli;
      – i lavoratori domestici (ad esempio colf e badanti);
      – iscritti alla gestione separata;
      – i titolari di pensione a carico del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti o dei fondi speciali ed ex Enpals;
      – i titolari di prestazioni previdenziali;
      – i lavoratori in altre situazioni di pagamento diretto.
      Cordiali saluti.

  5. Buongiorno,
    mia cognata lavora in un ristorante e il marito (da quest’anno ex marito) aveva fino allo scorso anno una conceria di famiglia e quindi era lavoratore autonomo. Loro hanno una bimba di tre anni ma a mia cognata le hanno detto che non ha diritto agli assegni familiari. E’ corretto?

    • Buongiorno Loredana, gli assegni familiari possono essere richiesti da sua cognata se la stessa è lavoratrice dipendente. La stessa potrà includere nel nucleo la figlia di 3 anni se ne ha l’affidamento esclusivo o, in caso di affidamento congiunto, previo accordo con l’ex marito. In caso di separazione la domanda di ANF online dev’essere preceduta dall’apposita autorizzazione INPS. Cordiali saluti.

  6. Buongiorno, io sono una lavoratrice dipendente, mio marito coadiuvante presso un edicola. Ci spettano gli assegni famigliari per i figli oppure lui è equiparato a lavoratore autonomo? Grazie

    • Salve Raffaella, gli assegni familiari può richiederli lei come lavoratrice dipendente, includendo anche suo marito e i redditi dello stesso nel conteggio del reddito complessivo del nucleo familiare. Cordiali saluti.

  7. buonasera, se mi sposo con il mio compagno ma sono residente io a roma e lui fiumicino, sposandoci puo chiedere assegni familiari alla ditta dove lavora essendo io disoccupata ed invalida?

  8. Buongiorno,informazione la commissione ha deciso che i miei figli da settembre hanno bisogno di maestra di sostegno.Ho diritto ad assegno familiare maggiorato??? GRAZIE

  9. Buongiorno,
    Un nucleo familiare composto da padre, madre e 3 figli tutti minori, di cui uno disabile non grave, ha diritto alla maggiorazione dell’ANF?

    • Buongiorno Maria, l’importo dell’assegno familiare dipende dal numero dei componenti il nucleo, dalla presenza o meno di soggetti inabili e dell’ammontare del reddito complessivo del nucleo familiare. Si consiglia di fare riferimento alle tabelle allegate alla circolare Inps n.66 del 17/05/2019. Cordiali saluti.

  10. Chi ha già un lavoro e prende gli assegni famigliari in base al reddito, ha anche diritto all’assegno per i tre figli minori?.
    Grazie.

  11. Salve sono socia lavoratrice di una attività che si occupa di ristorazione, sposata con un bimbo nato nel 2018 volevo sapere se spettano anche a me gli assegni familiari. Grazie buona giornata.

  12. Si possono chiedere gli assegni familiari per anni precedenti.
    Io non li ho mai chiesti per mio figlio che ora ha 21 anni. Di quanti anni si può andare indietro?
    Grazie

    • Salve Paola, gli assegni familiari hanno un tempo di prescrizione di 5 anni. Significa che le richieste di arretrati relativi agli ANF possono quindi essere accolte per i periodi inclusi nei cinque anni precedenti la data in cui viene formulata la domanda. Per informazioni dettagliate su cosa lei possa fare le consigliamo di contattare un ente di Patronato o l’Inps. Cordiali saluti.

  13. Miamoglie percepisce una pensione di 422 euro mensili nette, non usufruendo dell’adeguamento al minimo a causa della mia pensione di circa 1500 euro . Secondo quanto descritto nell’articolo ,avendo una pensione inferiore ai 722 euro, dovremmo aver diritto a percepire gli assegni familiari, in quanto è a mio carico. Ho capito male? Nel caso positivo, come e a chi rivolgersi? Grazie.

    • Salve, le consigliamo di rivolgersi ad un ente di patronato. Lì sapranno darvi informazioni più precise sulla vostra situazione personale. Cordiali saluti.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome