Accanto al reddito di cittadinanza e alle nuove misure previste per superare la riforma delle pensioni dell’ex ministro Elsa Fornero, il governo ha approvato in via definitiva la bozza del Disegno di Legge relativa alla Manovra per il 2019 che introduce una misura assistenziale per i pensionati più poveri: la pensione di cittadinanza. Si tratta di uno strumento rivolto ai pensionati italiani e servirà per superare e contrastare la povertà e l’esclusione sociale in Italia.

Nella bozza del contratto di governo si legge che la pensione di cittadinanza ha lo scopo di garantire maggiore equità sociale e di aiutare in particolar modo le fasce più deboli di pensionati, ossia tutti coloro che ricevono attualmente un assegno pensionistico inferiore ai 780 euro mensili, in linea dunque con i parametri previsti per il reddito di cittadinanza. Ma a quali pensionati spetta nello specifico il sussidio economico? La pensione di cittadinanza spetta anche agli invalidi civili? E in caso affermativo, quanto spetta? Cerchiamo di far luce su tale aspetto, individuando nello specifico le categorie di pensionati aventi diritto.

Tutte le novità in tema Pensioni

Pensione di cittadinanza 2019: a chi spetta 

Dunque, tutti i pensionati che non superano il predetto importo, ossia che vivono in condizioni si assoluta povertà, riceveranno un’integrazione fino a 780 euro mensili. In pratica, sempre da marzo/aprile del nuovo anno, chi riceve una pensione di 400 euro per esempio, riceverà 380 euro in più, per arrivare all’importo di 780 euro che è l’importo di povertà stabilita dall’Eurostat.

Pensione di cittadinanza 2019: i requisiti

Per poter ricevere la pensione di cittadinanza è necessario:

  • essere titolare di una pensione inferiore a 780 euro mensili;
  • essere italiano o straniero residente in Italia da almeno 5 anni (condizione quest’ultima ancora da confermare);
  • avere un ISEE inferiore a un determinato limite, che dovrebbe essere posto coerentemente a circa 9.300 euro.

Pensione di cittadinanza 2019: quanto spetta

Come per il reddito di cittadinanza è bene fare attenzione come il tetto dei 780 euro mensili si riferisce al singolo pensionato: ciò significa che in caso di una coppia di anziani la soglia va aumentata a 1.170 euro, in quanto bisogna fare riferimento ai parametri alla scala decisa dall’OCSE per nuclei familiari più numerosi.

Quindi, se un singolo pensionato che vive da solo percepisce una pensione mensile di 550 euro, grazie alla nuova misura prevista dal nuovo governo vedrà integrarsi la pensione per un importo di 230 euro, ossia fino a 780 euro. La cifra sale a 1.170 euro se si tratta appunto di una coppia.

Facciamo alcuni esempi pratici per comprendere meglio come si calcola pensione di cittadinanza. Prendiamo il caso, ad esempio, di un titolare di assegno sociale:

  • per quest’anno, spetta un importo di 453 euro per 13 mensilità;
  • dal prossimo anno, invece, il reddito sarà integrato di 327 euro fino al raggiungimento della soglia dei 780 euro,

Nel caso della pensione minima, invece,

  • nel 2018, spetta un importo di 507 euro per 13 mensilità;
  • dal prossimo anno, invece, grazie alla pensione di cittadinanza il pensionato si vedrà integrato il reddito di 273 euro fino al tetto dei 780 euro.

Leggi anche “Pensione di cittadinanza: spetta anche agli invalidi civili”

Pensione di cittadinanza invalidi civili: quanto spetta

La pensione di cittadinanza non spetta soltanto per le prestazioni di previdenza (pensione di vecchiaia, pensione anticipata, pensione di reversibilità, ecc.), ma anche per le prestazioni di assistenza (come ad esempio la pensione d’invalidità).

Per comprendere meglio di quanto aumenta la pensione d’invalidità per gli invalidi civili, occorre prendere in esame l’importo dello specifico assegno e incrementarlo fino al tetto dei 780 euro, come indicato nella seguente tabella:

Pensione d’invalidità Importo pensionistico attuale Integrazione Limite ISEE attuale Limite ISEE previsto
Pensione ciechi civili assoluti 305,56 euro 474,44 euro 16.664,36 euro 9.300 euro
Pensione ciechi civili assoluti (se ricoverati) 282,55 euro 497,45 euro 16.664,36 euro 9.300 euro
Pensione ciechi civili parziali 282,55 euro 497,45 euro 16.664,36 euro 9.300 euro
Pensione sordi 282,55 euro 497,45 euro 16.664,36 euro 9.300 euro
Pensione invalidi civili parziali 282,55 euro 497,45 euro 4.853,36 euro 9.300 euro
Indennità mensile frequenza minori 282,55 euro 497,45 euro 4.853,36 euro 9.300 euro
Indennità comunicazione sordi 255,79 euro 524,21 euro Nessun limite 9.300 euro
Indennità speciale ciechi ventesimisti 209,50 euro 570,50 Nessun limite 9.300 euro
Lavoratori con drepanocitosi o talassemia major 507,42 euro 272,58 euro Nessun limite 9.300 euro

 

LeggiOggi consiglia inoltre il seguente volume:

Agevolazioni fiscali per disabili – 2018

Agevolazioni fiscali per disabili – 2018

Marta Bregolato, 2018, Maggioli Editore

Le persone con disabilità devono affrontare quotidianamente problematiche che riguardano i settori più disparati: medico, psicologico, sociale, legale, patrimoniale, motorio e anche fiscale. Questo volume è dedicato a tutte le misure agevolative, dal punto di vista fiscale, riservate a tale...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


12 COMMENTI

  1. Buon giorno,sono invalido civile 100×100 con accompagno,più una piccola rendità per infortunio sul lavoro,isee 1237,74,mi spetta anche a me l aumento?mia moglie anche lei invalida parziale289 euro chiaramente isee citato sopra,spetta l aumento?ringrazio in anticipo posso avere chiarimenti del tutto,buon giorno.GRAZIE.

  2. buongiorno, sono una moglie di 64 anni invalida civile all’80% e percepisco un assegno sociale di invalidità di 282 euro.Con la manovra ho diritto alla pensione di cittadinanza? A che età l’assegno sociale si trasforma in pensione? Mio marito è pensionato devo fare cumulo con la sua pensione. Non possediamo niente.
    Grazie per l’informazione

  3. Attualmente per i sordi l’indennita di comunicazione di 256€ non ha limite, ma dalla tabella mi sembra di capire che dal 2019 sparirà per chi ha redditi maggiori di 9300€ ? O la tabella vale solo per gli aumenti?

  4. Percepisco pensioni per sordomuto, cioè indennità di comunicazione (senza limite di reddito) e pensione per sordi (con limite di reddito personale). Ho invalidità all’80%.
    Con Isee a 9300 non avrò diritto all’integrazione, perché forse supero di poco il valore. Potrò avvalermi dei vecchi parametri attualmente in vigore (rinunciando all’integrazione) oppure saranno abrogati tutti i vecchi parametri e, quindi, perderò entrambe le pensioni?

  5. indennità di accompagnamento per invalidi civili e ciechi civili non sono applicati ISEE??
    invece come mai applicati solamente indennità di comunicazione dei sordi???

  6. Salve sono un invalido civile totale 100% con invalidità lavorativa 100% senza accompagnamento percepisco solo una pensione di 292.00
    Sono disoccupato senza reddito isee 0.
    Mi spetterebbe la pensione di cittadinanza?

  7. Buongiorno, sono invalida civile con il 100% e attualmente ricevo una pensione di € 282,85 e riscuoto un mensile dal mio ex marito di € 220,00; non lavoro e non ho altri redditi.. Spetta anche a me la pensione di cittadinanza?

  8. anch’io vorrei delucidazioni, gentilmente, sulla non meglio specificata tabella relativa agli invalidi civile (io lo sono al 100%). interessano tutti dal 74 al 100% o cosa . C’è solo la dicitura “invalidi civili Parziali. Grazie e saluti cordiali

  9. si le misure vanno bene ma aumenti per gli invalidi civili totali quelli 100% per intenderci non c’e’ nessun aumento la tabella parla di aumenti agli invalidi civili parziali, non mi sembra giusto che per un invalido civile totale non ci sia niente speriamo che non sia cosi’

  10. BUON GIORNO
    CHIEDO UN INFORMAZIONE :
    SONO UN INVALIDO CIVILE AL 100X100 CON PENSIONE DI 292 EURO MENSILI
    PIU INDENNITA DI ACCOMPAGNAMENTO DI 516 EURO PER MALATTIA ONCOLOGICA GRAVE
    POSSO AVERE DIRITTO ALLA PENSIONE DI CITTADINANZA A 780 PER OGNI IMPORTO?

  11. per i pensionati invalidi civili si intendono: pensionati ciechi civili assoluti, pensionati ciechi civili parziali, pensionati sordi, pensionati civili invalidi parziali, lavoratori con drepanocitosi o talassemia major. In tutti questi casi l’aumento comporterà una somma aggiunta che consentirà al pensionato di percepire 780 euro, sempre se il suo reddito non supera i 16.664,36 euro l’anno;
    A noi invalidi totali????

  12. Ho una figlia invalida civile, come verrà calcolata la pensione tenendo conto dell’isee solo suo o anche considerando tutto il nucleo familiare, perchè così l’importo cambia.
    Grazie per la risposta.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome