Che bello vedere i piedi sul cruscotto, è una posizione ottimale per un confortevole rilassamento, mentre il conducente è impegnato alla guida.

Effettivamente nulla vieta questa “comoda” posizione del passeggero, anche se, in caso di incidente stradale, le lesioni provocate dell’urto e dello scoppio dell’air bag non saranno risarcibili da parte delle compagnia assicuratrici.

Diverso è se si sporgono le braccia dal finestrino, servirebbe verificare l’entità dell’eventuale sporgenza delle braccia, magari misurandola con un “metro” e appurare se vi è un fuori sagoma.

Anche nel secondo caso, si nutrano dei dubbi in caso di lesioni da incidente stradale per quanto concerne l’eventuale risarcimento dei danni da parte delle assicurazioni.

A parte tutto la norma stradale contenuta all’articolo 169 comma 4 C.d.S. prevede che “Tutti i passeggeri dei veicoli a motore devono prendere posto in modo da non limitare la libertà di movimento del conducente e da non impedirgli la visibilità. Inoltre, su detti veicoli, esclusi i motocicli e i ciclomotori a due ruote, il conducente e il passeggero non devono determinare sporgenze dalla sagoma trasversale del veicolo”.

Pensandoci bene, il sedile dell’auto non è un divano o una poltrona, evitiamo inutili danni fisici

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome