Assunzioni in arrivo per gli statali. Gli attesi fabbisogni delle Pa centrali, infatti, “sono arrivati” al Dipartimento della Funzione pubblica e pertanto “siamo pronti con le prime assunzioni”. Ad annunciarlo è stato il ministro della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno, a margine di un’audizione davanti alle Commissioni riunite Affari costituzionali e Lavoro di Camera e Senato.

“Sono arrivati i fabbisogni dei ministeri e anche delle forze dell’ordine”, ha quindi garantito Bongiorno. L’obiettivo, spiega, “è un concorso l’anno e ci sarà un mio decreto per la loro semplificazione. Con i miei concorsi chi vince vince e chi perde perde“.
In pratica non ci saranno più idonei: o vincitori o fuori.

Leggi anche “Decreto concretezza: impronte digitali anti-furbetto e nuove assunzioni”

“La semplificazione è fondamentale”, continua il ministro, e “siccome c’è fretta” di assumere per il ricambio generazionale nella Pa, Bongiorno intende procedere “per le assunzioni con il metodo Scia: prima assumo poi controllo. Una procedura semplificata”. Per il ministro, la “pubblica amministrazione è al collasso perché mancano certe figure specifiche”, come ad esempio esperti di digitalizzazione e di semplificazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


3 COMMENTI

  1. Non credo che buttare nella mondezza graduatorie vigenti che sono costate soldi pubblici e risorse umane sia una buona amministrazione dello stato

  2. Aumento di stipendio agli assistenti giudiziari o malattia a oltranza
    Dal primo gennaio 2019 gli assistenti giudiziari dopo aversi fatto un culo così a sopportare la tracotanza dei magistrati,degli avvocati,e degli ufficiali giudiziari prenderanno un misero sussidio inferiore al reddito di cittadinanza M5S.
    Un affare per il sistema affamatorio europeo e nazionale prima vengono gli assistenti giudiziari e poi vengono gli extracomunitari.

SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome