Sono sempre di più le coppie che decidono di optare per una convivenza, piuttosto che per il matrimonio. Questo perché se la coppia di fatto (more uxorio) “scoppia” non occorre rivolgersi ad un legale per attivare la procedura di separazione, ma basta che uno dei due lasci la casa e porti via con sé i propri effetti personali e i beni di sua proprietà, senza discutere su assegnazione casa coniugale e assegno di mantenimento, per riottenere così lo status di single. Tutto si complica se la coppia di fatto ha messo al mondo dei figli: in questo caso sarà necessario prendere dei provvedimenti per la tutela degli stessi.

Leggi anche “Affido condiviso, inizia l’iter: assegno di mantenimento cancellato”

Coppia in crisi more uxorio: quali strumenti per la tutela dei figli?

Gli strumenti previsti sono due:

  1. mediazione familiare di natura stragiudiziale;
  2. ricorso in Tribunale di natura giudiziale.

La mediazione familiare mira a conciliare le parti. La conciliazione può consistere nel rappacificare la coppia cercando di superare la crisi, o nel supportare la coppia a giungere ad una separazione libera da sentimenti di rabbia, odio che possono derivare a seguito della stessa.

Consulta lo speciale Assegno di mantenimento

La mediazione familiare viene guidata da un terapeuta o da legali specializzati nel diritto di famiglia.

Coppia di fatto in crisi: come si svolge l’incontro di mediazione?

Il mediatore riceve la coppia conducendo colloqui separati e congiunti in modo da incoraggiare il dialogo tra le parti. Infatti, una delle cause principali della crisi dei rapporti di coppia va ricercata nell’assenza di comunicazione. Attraverso i colloqui la coppia, con il sostegno del mediatore, cerca di ritrovare la serenità familiare persa. Se ciò non si verifica, compito del mediatore è quello di far capire alla coppia che porre fine ad un rapporto non significa farsi la guerra perché ciò nuoce non solo loro, ma soprattutto i figli. Occorre porre fine al rapporto con il massimo rispetto reciproco perché, pur se il rapporto di coppia viene meno, il ruolo genitoriale permane.

Nell’ambito della mediazione familiare i figli hanno un ruolo importante. Spesso vengono sentiti per capire quali sono le loro esigenze, il loro stato d’animo nell’ambito della crisi familiare. In questo caso, il compito del mediatore si complica in quanto non deve essere solo sostegno per la coppia, ma deve capire quali tutele adottare per i figli al fine di evitare che subiscano traumi da questa disgregazione familiare.

Coppia di fatto in crisi: come può concludersi la mediazione?

La mediazione può concludersi:

  1. con la risoluzione della crisi;
  2. con la fine della relazione: in questo caso il mediatore invita le parti a trovare un accordo ponendo fine alla relazione sentimentale nel modo meno traumatico possibile. Si può giungere, così:
  • ad una separazione consensuale, in caso di coppia sposata;
  • alla redazione di una scrittura privata di impegno in caso di coppia non sposata. In questo caso il mediatore invita le parti a trovare soluzioni congiunte e condivise riguardanti l’affidamento della prole, il mantenimento della stessa e la regolamentazione del diritto di visita genitore-figlio. Tali condizioni congiunte e condivise vengono, poi, trascritte in una scrittura privata che ha effetti obbligatori tra le parti. A tutela dei figli, tuttavia, il legale può provvedere al deposito di tale accordo in Tribunale in modo da dotarlo di efficacia esecutiva.

Leggi anche “Separazione coniugi: a chi viene assegnata la casa coniugale”

Il Tribunale attiverà una procedura di disamina dell’accordo raggiunto e ciò al fine di valutare l’assenza di condizioni contra legem, contrarie all’interesse dei minori o lesive dei diritti di uno delle due parti e, in caso di correttezza dello stesso, provvederà – previo visto del Pubblico Ministero – a dotare di “ufficialità” l’accordo raggiunto in sede di mediazione. Tale procedimento è necessario in quanto la scrittura privata ha solo valore tra le parti con la conseguenza che, in caso di inadempienza, la parte diligente non potrà agire esecutivamente per ottenere l’adempimento della prestazione, mentre ciò sarà possibile nel caso di ratifica dell’accordo da parte del Tribunale.

  • al fallimento totale della mediazione familiare: si ha nel caso in cui le parti – coniugate o non – non riescono a trovare un accordo. In tal caso le parti dovranno necessariamente passare alla fase giudiziale.

E’ obbligatoria la procedura di mediazione familiare?

No. Infatti, il legale quando si rende conto che il caso sottoposto alla sua attenzione riguarda una crisi insanabile, causata da motivi gravi procede direttamente ad attivarsi in sede giudiziale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


1 COMMENTO

  1. Unica precisazione: la mediazione familiare serve a separare la coppia; la terapia, invece, serve a rappacificarla. Ovviamente la coppia in mediazione può anche decidere di abbandonare la mediazione per riprendere la convivenza, ma non perché il mediatore abbia tentato di ricongiungere il legame.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome