Dopo il cambio di politica sulle tariffe dei bagagli a mano e un esposto del Codacons ora è la volta dell’Enac, che ha scritto a Ryanair “per chiedere chiarimenti e per richiamare il vettore ad applicare in modo corretto le condizioni di trasporto”, in merito alla nuova politica della compagnia sui supplementi applicati ai bagagli.

A sollecitare l’Enac (ma anche l’Antitrust) era stato il Codacons, con un esposto. Nel mirino dell’associazione ancora una volta le politiche tariffarie della compagnia relative ai bagagli a mano che, come noto, a partire dal prossimo novembre saranno a pagamento, acquistando un imbarco prioritario (al costo di 6 euro) o pagando un supplemento di 8-10 euro.

leggi anche “Ryanair, addio bagaglio a mano gratis: da novembre solo borse”

Ora l’Ente per l’aviazione civile sollecita la compagnia irlandese: “applicare in modo corretto le condizioni di trasporto”.

Ricordiamo che dal primo novembre, i passeggeri che viaggeranno con la compagnia irlandese low cost, infatti, potranno portare a bordo gratuitamente solo una borsa o uno zaino, i trolley saranno invece a pagamento con l’acquisto o di un imbarco prioritario (al costo di 6 euro) o con un supplemento di 8-10 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome