Scaduto il termine per la prima rata del 20 agosto 2018, ora restano altre tre tranche di versamento per le Partite Iva che pagano le tasse in modalità rateale, con lo slittamento di 30 giorni dalla prima scadenza, con la maggiorazione dello 0,40 per cento.

Le scadenze sono state rimodulate con il Decreto del presidente del Consiglio dello scorso 10 agosto 2018, che prevede una riformulazione della rateazione alternativa a quella ordinaria.

Leggi anche “Partite Iva, 1790 profili sospettati di evasione: al via i controlli”

Riducendo l’importo della prima rata del 20 agosto, si spalmano le successiva su altre tre rate:

  • 17 settembre
  • 16 ottobre
  • 16 novembre

Partite Iva: scadenze fiscali 2018

Tutti i versamenti a saldo 2017 e il primo acconto 2018 delle imposte (Irpef, Ires, Irap e imposte sostitutive) dovevano essere effettuati:

  • entro il 2 luglio 2018
  • entro il 20 agosto con la maggiorazione dello 0,40 per cento

Le somme dovute a titolo di imposta possono essere versate:

  • in un’unica soluzione,
  • oppure in forma rateale con l’applicazione degli interessi nella misura dello 0,33% mensile. Unica regola: le rate devono esaurirsi entro il mese di novembre 2018 e il secondo acconto in scadenza il 30 novembre 2018 non è rateizzabile.

Leggi anche “Acquisto carburante Partite Iva: come pagare e quali detrazioni”

Detto ciò, le partite Iva che hanno optato per il pagamento rateale, differito di 30 giorni successivi alla prima rata di luglio, con maggiorazione dello 0,40 per cento si troveranno di fronte queste scadenze:

  • prima rata: 20 agosto 2018 con 0 interessi (già scaduta);
  • seconda rata: 17 settembre con lo 0,29 per cento di interessi;
  • terza rata: 16 ottobre con lo 0,62 per cento di interessi;
  • quarta rata: 16 novembre con lo 0,95 per cento di interessi.

Se invece si è scelta la modalità ordinaria il pagamento della tassazione dovuta dovrà seguire questo iter in 5 rate:

  • prima rata 20 agosto con interessi 0:
  • seconda 20 agosto con interessi 0;
  • terza rata 17 settembre con 0,33 per cento di interessi;
  • quarta rata 16 ottobre con 0,66 per cento di interessi;
  • quinta rata 16 novembre con 0,99 per cento di interessi.

L’opzione per il pagamento rateale si effettua in occasione del primo versamento, indicando nell’apposito campo del modello F24 il numero di rate prescelto e della rata che si sta versando.

Potrebbe interessarti anche:

Regime forfetario e contabilità semplificata 2018

Regime forfetario e contabilità semplificata 2018

Salvatore Giordano, 2018, Maggioli Editore

Il regime forfetario riservato ai lavoratori autonomi, ai professionisti e alle piccole realtà imprenditoriali e commerciali ha avuto ormai una definitiva stabilizzazione ed ha assorbito completamente il regime di vantaggio per le nuove attività, prevedendo per queste un’aliquota ridotta al...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome