Il Decreto Dignità contenente “disposizioni urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese” è finalmente stato pubblicato in Gazzetta ufficiale. E’ il decreto n.87 del 12 luglio 2018 ed è entrato in vigore oggi – sabato 14 luglio.

Il Presidente – Sergio Mattarella – lo ha firmato. Ora, già assegnato alla Commissione Finanze della camera, comincerà il suo iter parlamentare lunedì prossimo – 16 luglio ore 17 -, e avrà 60 giorni di tempo per essere convertito in legge.

Rappresenta il primo atto del governo in materia di lavoro e imprese ed è stato fortemente voluto dal ministro per il Lavoro e lo Sviluppo Economico, Luigi Di Maio. Al centro del Decreto dignità 15 articoli, che dettano legge su diversi temi:

  • Modifiche alla disciplina della somministrazione di lavoro;
  • Indennità di licenziamento ingiustificato e incremento contribuzione per contratto a tempo determinato;
  • Proroga del termine di esecuzione dei provvedimenti giurisdizionali per gli insegnanti diplomati magistrali;
  • Limiti alla delocalizzazione delle imprese beneficiarie di aiuti;
  • Tutela dell’occupazione nelle imprese beneficiarie di aiuti;
  • Divieto di pubblicità su giochi e scommesse;
  • Disposizioni in materia di redditometro;
  • Disposizioni in materia di invio dati delle fatture emesse e ricevute;
  • Split payment;

Consulta qui tutte le novità sul Decreto Dignità 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


1 COOMENTO

  1. Qualche modifica per chi viene fruttato con un contratto part time lavorando full time?

SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome