Secondo l’ASAPS è ormai fuori controllo il fenomeno delle auto in circolazione prive di copertura RC auto. E le conseguenze a danno degli onesti cittadini sono pesanti. Secondo le più recenti stime, i veicoli circolanti sulle strade italiane, privi di assicurazione auto sono il 12 per cento del totale, con picchi del 50 per cento in alcune zone del meridione. Numeri incredibili, sui quali Giordano Biserni, presidente dell’Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale (ASAPS) ha pubblicato un interessante editoriale nell’ultimo numero della rivista dell’associazione, stigmatizzando in modo chiaro lo stato attuale di questa sempre più diffusa (e preoccupante) consuetudine.

Non possiamo che condividere le osservazioni dell’ASAPS, che identifica tre “ingiustizie” come dirette conseguenze del fenomeno dei veicoli sprovvisti di assicurazione auto:

  • la prima: manca un controllo realmente efficace. La sanzione prevista dal Codice della strada (art. 193) per chi non ottempera all’obbligo di assicurarsi non è in grado di dissuadere i disonesti: 848 euro di multa che però scende a 593 qualora il pagamento avvenga entro 5 giorni. Se teniamo conto del costo medio di una polizza RC auto (ben più alto, specie al sud Italia) e della scarsa frequenza dei controlli, è facile capire che la maggior parte degli automobilisti che non intendono pagare la polizza è disponibile a correre il rischio. Inoltre, i tanto sbandierati sistemi automatizzati per rilevare automaticamente i veicoli non assicurati tramite varchi elettronici posti sulle strade, dei quali si parla da anni, non sono, in concreto, mai entrati in funzione;
  • la seconda ingiustizia: il Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada, chiamato a garantire il risarcimento dei danni, tra gli altri casi, anche nell’ipotesi di incidente stradale causato da un veicolo non assicurato, ha ormai da tempo il bilancio in rosso, dato che eroga mediamente 400 milioni di euro in risarcimenti e viene finanziato quasi interamente con una quota del 2,5% di tutti i premi RC auto pagati dagli automobilisti. Questo prelievo, ormai, non basta più, e si prevede un aumento fino al 4%, con conseguenti ripercussioni sui prezzi del premio RC auto. In sostanza, gli automobilisti onesti che assicurano regolarmente la propria auto dovranno pagare di più al fine di finanziare i risarcimenti per i danni causati da chi non si assicura, incentivando ancora di più a non assicurarsi. Un’assurdità;
  • la terza ingiustizia che rileva Biserni riguarda, infine, l’infernale iter risarcitorio che deve sopportare chi ha la sfortuna di venire coinvolto in un sinistro causato da un veicolo non assicurato. Tempi di attesa infiniti, con una quasi sistematica necessità di ricorrere in giudizio e un inevitabile un senso di vessazione che amplifica i drammi famigliari di chi, vittime incolpevoli magari di un grave sinistro, si trovano ad essere impotenti nei confronti di un sistema che non è in grado di garantire un giusto risarcimento a chi ne ha il sacrosanto diritto.

E’ incredibile che, nemmeno di fronte ai numeri di questo fenomeno (12 per cento di veicoli senza assicurazione auto significa che, in caso di incidente, una volta su otto si ha a che fare con una controparte priva di copertura assicurativa!) si sia pensata una strategia seria ed efficace per arginare il problema e riportarlo entro limiti gestibili.

Forse andrebbero riviste le priorità delle attività di verifica e sanzione in capo alle forze dell’ordine. Assurdo, in particolare, che non si strutturi, specie in determinate zone d’Italia, un controllo persistente e uniforme dei veicoli circolanti, non certo con l’obiettivo di verificarne la regolarità di tutti ma, quantomeno, di fare da deterrente per chi persevera nell’illegalità, costituita dall’assenza di assicurazione auto. Se l’introduzione dei sistemi automatizzati si è arenata per qualche cavillo riguardante privacy o altre questioni di tutela della riservatezza (che, a quanto pare, vale di più rispetto al garantire a tutti la certezza di ottenere un risarcimento in caso di incidente) siamo certi che la paletta e l’invito ad accostare per un controllo sia ancora permesso. Eppure, per qualche ignota ragione, questo non si fa in maniera continuativa e costante. Riteniamo che la soluzione sia, ancora una volta, fare riferimento alle norme che già esistono, con l’elevazione costante delle sanzioni previste. E tutto scritto lì, nel Codice delle Strada. Perché non applicarlo?

Puoi consultare qui lo speciale Rc auto

© RIPRODUZIONE RISERVATA


2 COMMENTI

  1. Signor paolo facendo la polizza online ti contattano almeno due mesi prima che scada la polizza e se non la rinnovi continuano a mandarti messaggi continui quindi non si può dire che non si è avvisati. per quelli che vanno in agenzia basta guardare la carta che ti danno e c’è la scadenza quindi neanche quello è il problema. l’unica cosa è che in Italia non c’è certezza della pena quindi anche se ti beccano senza assicurazione paghi la multa e continui a viaggiare alla faccia di chi paga regolarmente la polizza come il sottoscritto.

  2. siamo sicuri che tutti volutamente non hanno voluto pagare la poizza? Non è forse che non hanno ricevuto avviso di scadenza o meglio ancora essendo venuto a mancare il contrassegno non sanno piu come e dove vedere la scadenza nella polizza digitalizzata? Soprattutto se poi fatta on line?

SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome