Inps visita fiscale

A chi si applicano tutte le novità legate al Polo Unico della visita fiscale? Con il messaggio n. 1399 del 29 marzo scorso, l’Inps ha effettuato alcuni chiarimenti su quali sono i dipendenti pubblici interessati da queste novità, ma anche sulla gestione della reperibilità. Vediamo nel dettaglio le ultime novità.

Dipendenti pubblici interessati dal Polo Unico della Visita Fiscale

Nel messaggio n. 1399/2018 l’Inps precisa che la normativa in materia di Polo Unico della visita fiscale si applica a:

  • tutte le amministrazioni dello Stato, ivi compresi:
  • gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative,
  • le aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo,
  • le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane e loro consorzi e associazioni,
  • le istituzioni universitarie,
  • gli Istituti autonomi case popolari,
  • le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni,
  • tutti gli enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali,
  • le amministrazioni,
  • le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale,
  • l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (ARAN) e le Agenzie di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 (art. 1 del D.Lgs. n. 165/2001).

“Per Regioni e Province – si specifica nel messaggio – si intendono anche le Regioni e Province a statuto speciale, compresa la Regione Siciliana; l’unica eccezione è costituita dalla Provincia autonoma di Trento e dagli enti e amministrazioni di pertinenza, che risultano esclusi sulla base della relativa normativa locale (cfr. art. 10, comma 10, della legge provinciale 2 agosto 2017, n. 9, che ha modificato la legge provinciale 3 aprile 1997, n. 7, con l’inserimento dell’art. 48-bis)”;

  • i dipendenti del settore pubblico non soggetti al regime previsto dal D.Lgs. n. 165/2001, ma rientranti nell’ambito di applicazione dell’articolo 55-septies relativo alla certificazione telematica di malattia (art. 7, comma 1, del decreto legge n. 179/2012, convertito dalla legge n. 221/2012) ovvero il personale della carriera prefettizia e della carriera diplomatica,
  • i magistrati di tutte le magistrature, ordinarie e speciali,
  • gli avvocati e procuratori dello Stato,
  • i docenti e i ricercatori universitari,
  • il personale della carriera dirigenziale penitenziaria,
  • il personale dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato;
  • i dipendenti delle Autorità indipendenti, comprese la CONSOB e la Banca d’Italia,
  • nonché il personale delle Università non statali legalmente riconosciute.

Sono esclusi:

  • i dipendenti degli Organi costituzionali, degli enti pubblici economici, degli enti morali, delle aziende speciali;
  • la Provincia autonoma di Trento e i relativi altri enti ad ordinamento provinciale che, come detto, sono oggetto di specifiche norme locali,
  • il personale delle Forze armate (Esercito, Marina militare, Aeronautica militare), dei Corpi armati dello Stato (Guardia di Finanza e Carabinieri, Polizia dello Stato, Polizia Penitenziaria) e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Reperibilità e assenza dei lavoratori per la visita fiscale

Nel messaggio n. 1399 l’Inps ha ribadito le fasce orarie di reperibilità per i lavoratori pubblici, come confermato dall’articolo 3, commi 1 e 2, del decreto 17 ottobre 2017, n. 2016, valide anche per i giorni non lavorativi e festivi: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Nel caso in cui il dipendente si debba assentare dal proprio domicilio durante gli orari di reperibilità, dovrà avvisare la propria amministrazione, che a sua volta dovrà avvisare l’Inps in maniera tempestiva secondo le seguenti modalità:
– inviando un’email alla casella medicolegale.nomesede@inps.it;
– inviando specifica comunicazione al numero di fax indicato dalla struttura territoriale di riferimento;
– rivolgendosi al Contact center.

Leggi anche Visita fiscale, da aprile certificati digitali per tutela della privacy

Nelle stesse modalità il dipendente dovrà avvisare, in caso di cambio di domicilio durante la prognosi, l’amministrazione che lo comunicherà tempestivamente all’Istituto.

La tempestività delle comunicazioni da parte delle PP.AA. è essenziale – precisa l’Inps nel messaggio – per agevolare le Strutture territoriali Inps nella trattazione delle informazioni, soprattutto al fine di escludere la visita in considerazione della comunicazione di assenza”.

“Va comunque tenuto in conto che – aggiunge – la copiosità delle informazioni e la necessità di operare manualmente le esclusioni delle visite, in attesa dei programmati sviluppi informatici, potrebbe rendere talvolta difficile registrare per tempo tutte le assenze temporanee e i cambi di domicilio in questione”.

Leggi anche Visita fiscale, cosa rischia il dipendente se non è reperibile

Il messaggio Inps sul polo unico della visita fiscale fornisce inoltre alcuni chiarimenti anche sulla modalità per l’abilitazione dei datori di lavoro e le indicazioni per la gestione dei certificati cartacei che restano di competenza delle singole amministrazioni, le visite mediche di controllo per i casi di infortunio sul lavoro e malattia professionale e nei confronti dei lavoratori all’estero.

Sull’argomento segnaliamo

La giustificazione delle assenze negli enti locali

La giustificazione delle assenze negli enti locali

Livio Boiero, 2017, Maggioli Editore

La materia delle assenze nel pubblico impiego è variegata ed è disci- plinata in diversi provvedimenti legislativi e contrattuali. Alcuni degli stessi, negli ultimi anni, sono stati più volte oggetto di modifiche e di interventi da parte del legislatore; il pensiero va, segnatamente, alla...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome