pensioni ultime news

Domande per l’Ape volontaria al via dal 13 aprile. La conferma arriva dal comunicato dell’ABI, l’Associazione delle Banche italiane, impegnata in questi giorni con il collaudo delle procedure informatiche.

“Secondo i dati che ci ha fornito ieri l’Inps – ha reso noto Gianfranco Torriero, Vice direttore generale dell’Abi – sono 71 le certificazioni rilasciate dall’Inps a coloro che hanno maturato i requisiti pensionistici tra il 1° maggio 2017 e il 17 ottobre 2017 e che quindi debbono presentare la domanda entro il 18 aprile se intendono ottenere gli arretrati di Ape maturati”.

L’Abi ha precisato che solo a partire da fine gennaio 2018, l’Inps, le banche e le assicurazioni hanno potuto iniziare a finalizzare le molto complesse procedure informatiche su cui si basa l’Ape.

L’Inps ha pubblicato in questi giorni gli ultimi dati aggiornati relativi all’Ape volontaria: sono 6.684 le domande di certificazione che risultano accolte e di queste, 5.214 si riferiscono a soggetti che hanno maturato i requisiti tra il 1° maggio e il 18 ottobre 2017. Vai alla sezione dedicata sul sito Inps

Ricordiamo che dallo scorso 13 febbraio è possibile presentare online l’istanza di certificazione e tramite un simulatore, calcolare l’importo dell’anticipo finanziario a garanzia pensionistica e la rata di rimborso. Attualmente, fa sapere l’Inps, sono state effettuate circa duecentomila simulazioni.

Leggi anche Ape volontaria, al via da oggi le domande e il simulatore Inps

Dal 16 marzo anche le sedi territoriali dell’Istituto possono effettuare le procedure per la certificazione del diritto all’Ape volontaria e dal 30 marzo l’Inps ha iniziato a inviare ai soggetti interessati le certificazioni.

Secondo i dati Inps Sul totale delle domande accolte, 6.684 istanze, 5.000 sono relative a coloro che possono richiedere, entro il 18 aprile 2018, i ratei arretrati maturati.

L’Istituto fa sapere anche che è stata predisposta la procedura per la presentazione online della domanda di APE volontaria e che sarà disponibile non appena arriverà l’adesione formale da parte degli istituti bancari interessati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome