pensioni ultime

Via libera all’Ape volontaria? Ci siamo quasi, l’anticipo pensionistico volontario ancora in via sperimentale dovrebbe diventare finalmente definitivo. Sono stati siglati gli accordi quadro tra ministero del Lavoro, ministero dell’Economia e delle Finanze con Banche e Assicurazioni, per definire le condizioni economiche dell’anticipo e dell’assicurazione collegata.

Qualche giorno fa è arrivato anche il via libera “con riserva” da parte del Garante della Privacy, quest’ultimo ha dato l’ok agli accordi con Abi e Ania ma ha chiesto chiarimenti sulle procedure di scambio dei dati personali dei lavoratori che fanno richiesta dell’Ape volontaria, fra banche, assicurazioni e INPS e, in particolare il ruolo dell’ANIA in merito al trattamento dei dati. Non è chiaro se questi queste richieste di chiarimenti potrebbero far slittare l’operatività della misura.

Mancano ancora all’appello la circolare operativa dell’Inps, e il simulatore online a supporto dei lavoratori, entrambi, a quanto detto dall’Ente previdenzaile stesso, dovrebbero essere già pronti per la pubblicazione. Dal mese di febbraio forse l’Ape volontaria potrebbe diventare finalmente operativa.

Ricordiamo che questa misura, prevista dalla Legge di Bilancio 20178, sarebbe dovuta partire da maggio 2017 e il decreto attuativo è in vigore dallo scorso 18 ottobre.

Leggi anche Ape volontaria, pubblicato il decreto: tutte le novità

Cos’è l’Ape volontaria

L’Ape volontaria è una misura di anticipo pensionistico rivolto ai lavoratori che ne fanno richiesta, ma avendo precisi requisiti:

  • 63 anni di età,
  • 20 anni di contributi
  • un assegno pari ad almeno 1,4 volte quello minimo,
  • essere almeno a 3 anni e 7 mesi dalla pensione.

Il meccanismo di questo anticipo prevede che il lavoratore richieda un anticipo che restituirà con rate ventennali sulla pensione. Il lavoratore presenta la richiesta all’Inps, ma il finanziamento di fatto viene elargito dal sistema bancario e coperto da una garanzia assicurativa

Resta aggiornato con il nostro Speciale Pensione Anticipata

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


3 COMMENTI

  1. Non riesco a capire perché lo stato non possa togliere l’età minima anagrafica,e lasciare che una persona con almeno 30 di contributi versati indipendentemente dall’età possa stare in pensione

  2. Cioè l Ape volontaria dovrebbe essere aperta a tutti quelli con uguali requisiti: 63 anni , veti almeno di contributi e meno di 3 anni e sette mesi dalla data pensione.

  3. Non trovo giusto l’1,4 del minimo!!! Cioè chi dovrebbe prendere 1000 € o meno , non può accedere!!! Tra l’altro non essendo a carico dello stato ma pagato dal pensionato non ne capisco il motivo. È un ingiustizia verso molti soprattutto piccoli artigiani.

SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome