Home PrimoPiano Facebook, cosa cambia con il nuovo algoritmo

Facebook, cosa cambia con il nuovo algoritmo

amicizia su facebook

Nei giorni scorsi Mark Zuckerberg ha annunciato un nuovo algoritmo che regolerà la visualizzazione dei contenuti su Facebook, a cominciare dalla news feed. In un post del 12 gennaio scorso il patron del social network da 2 miliardi di utenti, ha spiegato che saranno privilegiati i contenuti di amici e parenti rispetto a contenuti pubblici, post di aziende e media che affollano le bacheche degli iscritti.

“Quando usiamo i social media per entrare in contatto con le persone a cui teniamo – ha precisato -, può essere un bene per il nostro benessere. Possiamo sentirci più legati e meno soli, e questo si ricollega a misure a lungo termine di felicità e salute”.

Saranno quindi favoriti i contenuti che creeranno maggiore interazione o susciteranno una discussione, come i video in diretta, a scapito di video e contenuti visualizzati più “passivamente”, anche se gli utenti potranno impostare come prioritaria la visualizzazione dei contenuti proveniente dalle pagine preferite.

L’annuncio del nuovo algoritmo ha suscitato perplessità e polemiche, oltre che a un calo del 4,4% del titolo in Borsa. Dare maggior importanza a contenuti di amici e parenti potrebbe privilegiare contenuti dello stesso genere, o sempre in linea con le proprie idee, a scapito di contenuti di segno opposto o di critica, così come potrebbe rendere la vita più facile a eventuali fake news.

Questa sorta di “ritorno al passato” e ritorno agli affetti comporterà anche una maggior attenzione agli utenti e alla profilazione dei loro interessi, che sicuramente porterà a delle conseguenza in termini di pubblicità.

Le aziende d’altro canto dovranno rivedere il loro modo di presentarsi e presentare i propri prodotti in maniera differente rispetto a come lo avevano fatto fino ad ora, con un probabile aumento di spesa per sponsorizzazioni e consulenze sui contenuti.

Queste novità sicuramente faranno sentire il proprio peso nei prossimi mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome