Da qualche giorno il Ministero del Lavoro ha messo a disposizione un’applicazione per sistemi operativi IOS e Android che permette di presentare le dimissioni volontarie e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.

Questo nuovo strumento è l’ultimo tassello, in ordine di tempo, del percorso di  miglioramento delle relazioni con il cittadino, e di ampliamento dei servizi online, messo in atto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Ricordiamo che dal 12 marzo 2016, a seguito delle riforma introdotte con il Jobs Act, queste pratiche possono essere presentate esclusivamente per via telematica.

Come funziona l’app

Per accedere i cittadini dovranno essere in possesso di SPID e i soggetti abilitati potranno utilizzare le proprie credenziali di accesso al portale dei servizi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Una volta effettuato l’accesso, si potrà accedere al form online o all’applicazione mobile per la trasmissione della comunicazione.

Il sistema chiederà alcuni dati identificativi, in particolare:

  • per i rapporti di lavoro instaurati a partire dal 2008 saranno recuperati in automatico i dati relativi alla comunicazione obbligatoria di avvio/proroga/trasformazione o rettifica più recente,
  • per i rapporti instaurati prima del 2008, si dovranno indicare alcuni dati del datore, in particolare il codice fiscale, il comune della sede di lavoro e l’indirizzo email o Pec.

Il passo seguente sarà la scelta del tipo di comunicazione:  (dimissioni volontarie, risoluzione consensuale o revoca) con la data di trasmissione (marca temporale).

Sull’argomento segnaliamo

Formulario completo del lavoro

Formulario completo del lavoro

Mauro Marrucci, 2017, Maggioli Editore

Aggiornato con le novità della Legge 22 maggio 2017, n. 81 (Smart Working o Lavoro Agile), la quinta edizione di questo Formulario di pratica giuslavoristica fornisce risposte schematiche a tutte le problematiche di natura documentale in materia di diritto del lavoro, di...




CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso Dirigenti Scolastici, cosa sapere sugli ambienti di apprendimento
Articolo successivoAssegno di divorzio, no della Cassazione se l’ex può mantenersi da sola

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here