certificazione B2 inglese per concorso inps

Sul concorso Inps continua a tenere banco la discussione sulla Certificazione B2, uno dei requisiti che i candidati devono possedere per poter partecipare alla selezione per i 365 posti indetti. (Scarica il bando del Concorso Inps)

Da pochi giorni il bando è stato pubblicato in Gazzetta e c’è tempo fino al 27 dicembre per presentare la domanda di partecipazione, e quindi venire in possesso della Certificazione da dichiarare.

Cos’è la Certificazione B2, come e dove si può ottenere?

La Certificazione B2 di lingua inglese attesta il possesso di una conoscenza a livello intermedio avanzato della lingua, che dimostra una scioltezza e padronanza durante una conversazione e nella redazione di testi scritti. Sulla certificazione B2 e gli altri requisiti l’Inps ha pubblicato una nota di chiarimento.

La Certificazione deve essere rilasciata da un ente certificatore riconosciuto dal Miur.

I candidati che decideranno di ottenere tale certificazione potranno seguire le lezioni anche online e infine dovranno sostenere due prove d’esame: una scritta e una orale.

La prova scritta valuterà la preparazione sulla comprensione di un testo in lingua Inglese ma anche la capacità di produrre testi chiari. Il colloquio orale con un docente specializzato valuterà la capacità di sostenere una conversazione in lingua Inglese.

L’attestato di Certificazione viene rilasciato in media entro i 5 giorni feriali successivi all’esame e non ha scadenza. Il costo si attesta intorno ai 400 euro.

Per la preparazione al Concorso Inps consigliamo

Kit Concorso INPS 365 posti di analista di processo-consulente professionale
3 volumi a soli 99 euro invece di 125 euro

il Kit comprende:
– Manuale con Teoria e quesiti a risposta multipla per la 1ª prova scritta oggettivo-attitudinale
– TOMO I Discipline giuridiche – Manuale e test per la prova scritta tecnico-professionale e la prova orale
– TOMO II Discipline economico-aziendali e contabili – Manuale e test per la prova scritta tecnico-professionale e la prova orale


CONDIVIDI
Articolo precedenteFake news, la vera bufala è la proposta del Pd
Articolo successivoPensioni, fumata nera per l’Opzione Donna nella Legge di Bilancio

2 COMMENTI

  1. Sono d’accordo. È una schifezza chiedere la certificazione. La valutazione della conoscenza dell’inglese è corretto che venga fatta durante il concorso e non dovendo accollarsi una spesa di 450 € per ragazzi disoccupati che già pesano sulle famiglie, incrementando il business per gli enti certificatori. È una presa in giro: ci sono ragazzi madrelingua inglese o che hanno sostenuto tutti gli esami di laurea in lingua inglese. Non ho parole!!!!!

  2. MA QUESTA E’ UNA PRESA IN GIRO COLOSSALE! UN RAGAZZO CHE HA CONSEGUITO UNA LAUREA IN LINGUA INGLESE, CHE HA SVOLTO UN’ATTIVITA’ LAVORATIVA IN PAESI DOVE SI PARLA L’INGLESE, DEVE OTTENERE UNA CERTIFICAZIONE DA UNO DI QUEGLI ISTITUI E PAGARE 400 EURO? MA E’ ASSURDO E ILLEGALE.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here