Governo e sindacati sono tornati in questi giorni a confrontarsi sulla Riforma Pensioni, in particolare sull’adeguamento dell’età pensionabile all’aspettativa di vita. Il Governo ha proposto l’esenzione dell’aumento dell’età pensionabile, a 67 anni dal 2019, per gli addetti ai lavori usuranti, includendovi diverse categorie. La misura dovrebbe interessare circa 15-17 mila lavoratori.

Consulta lo Speciale Riforma Pensioni

Le categorie esenti dallo scatto dell’età pensionabile

La categorie dei lavoratori inserite tra quelle “usuranti”, aggiornate agli ultimi ritocchi, sono:

  • Maestre di asilo nido e di scuola materna,
  • Infermieri e ostetriche che fanno i turni di notte,
  • Macchinisti ferroviari,
  • Camionisti,
  • Gruisti,
  • Muratori,
  • Facchini,
  • Badanti di persone non autosufficienti,
  • Addetti alle pulizie,
  • Addetti alla raccolta dei rifiuti,
  • Conciatori di pelli,
    Marittimi,
  • Operai della siderurgia,
  • Braccianti agricoli,
  • stampatori a caldo.

Calcolo biennale dell’aspettativa di vita


Sullo scatto dell’età pensionabile a 67 anni il Governo non intende al momento rinviare l’adeguamento a partire dal 2019,  fatta eccezione per i lavori usuranti. Allo stesso tempo propone dal 2021 di effettuare il calcolo biennale dell’aspettativa di vita confrontando coni l biennio precedente (2018-2019), il risultato positivo sarebbe applicato sul biennio 2021-2022, mentre in caso di risultato negativo sarebbe scontato dal biennio successivo 2023-2024. Non è previsto un passo indietro, ma solo un o stop.

I sindacati, pur riconoscendo un atteggiamento di apertura da parte del Governo, non concordano sul mancato stop allo scatto di età pensionabile e sull’esenzione delle categorie di lavoratori chiedono di ampliare la platea.

 

Il tavolo di confronto tecnico tra Governo e sindacati proseguirà lunedì mattina per concludersi davanti al premier Gentiloni.

Sul fronte pensioni è notizia di poche ore la chiusura della convenzione con l’Abi per l’avvio dell’Ape volontaria.

Volume consigliato

Previdenza 2017

Previdenza 2017

Gabriele Bonati - Pietro Gremini, 2017, Maggioli Editore

Il volume rappresenta un vero e proprio instant book, che ha l’obiettivo di offrire un quadro generale e di immediata intuitività circa le ultime novità intervenute nel sistema previdenziale italiano, oggetto di numerosi provvedimenti, di cui alcuni ancora in corso di...




CONDIVIDI
Articolo precedenteRottamazione cartelle esattoriali bis, arriva il Fai Da Te
Articolo successivoInps, nuovo concorso per 1.100 laureati: come prepararsi

26 COMMENTI

  1. Visto che la nostra categoria non è mai menzionata e considerata da nessuno mi chiedo se fosse mai possibile considerarla usurante. Noi rappresentanti o comunque addetti alle vendite dipendenti di aziende commerciali siamo sempre in giro per le strade facciamo km e km lavorando 10/11 h al giorno vi immaginate a 65 anni in giro ? Saremmo anche un pericolo per gli altri…

  2. E il lavoro in galleria? 35 anni con la detrazione “indennità galleria” sulla busta paga e ora? Turni a rotazione continua con polvere calce ecc…. e mi parlano delle maestre o addetti pulizie?

  3. Mi chiedo, come Guardia Particolare Giurata, per quanto tempo ancora dovremo attendere prima che un qualche governo si decida a riconoscerci usuranti a tutti gli effetti.
    Se per la legge è sufficiente effettuare 78 notti di lavoro affinchè l’anno sia considerato usurante, mi domando come possa essere catalogato un anno in cui si fanno 280 notti di servizio, e questo praticamente in pianta stabile, per anni ed anni…

  4. La verità è che i lavori oltre i 60 anni sono tutti usuranti,i 60 anni dovrebbe essere il limite massimo per andare in pensione,i politici nascondono la realtà delle cose,nessuno dice che i contributi versati dai lavoratori coprono completamente tutte le pensioni da lavoro e che con questi contributi devono pagare anche tutte quelle pensioni che non hanno versato un contributo cioè le pensioni di invalidità,sociali ecc.ecc.,pensioni che dovrebbero essere interamente a carico dello stato e non solamente a carico dei lavoratori.

  5. Finalmente anche i marittimi, cm si poteva stare fino a 67 anni sopra ha una nave specialmente tempo d’inverno un giorno si è un giorno sempre col maltempo,stare in piedi la nave si muove,stai male psicologico,e poi lontani dalle famiglie x 8 mesi x chi li fa 8 mesi ci sn dei marittimi che nn ci riescono ha fare 8 mesi ne fanno 6 x esubero personale altro disagio che nn raccogli ne anche 8 mesi x completare,

  6. Scusate ma non leggo Call center!! Provate 8 h al telefono senza tregua a ripetere sempre le stesse cose!!!

  7. e che dire degli assistenti sociali in servizio presso la P. A. E’ ridicolo definire lavoro usurante quello delle Maestre dell’Asilo e non tante altre professioni molto più logoranti.

  8. Sono invalido al 67%sono un precoce ho la 104 personale sono falegname rientro nei precoci con 41 anni io nn ce la faccio più!!

  9. Credo che nella categoria “Usurante” debba necessariamente rientrare la categoria degli operatori che, a vario titolo, lavorano presso le comunità per minori a rischio.
    Vi immaginate un operatore di comunità in servizio sino a 67/69 anni?
    Come a fa a stare dietro ai ritmi che questo lavoro genera?

  10. Certamente i lavori usuranti non mancano, ma come mai, noi, educatori professionali che ci occupiamo per 7/8 ore al giorno, per 5 giorni la settimana, per 11 mesi l’ anno, di persone disabili, anche fisici, con ritardo cognitivo spesso aggravato da patologie psichiatriche, non siamo mai nominati? Le insegnanti dell’infanzia , gli infermieri si, gli educatori dei disabili, no. Sono le solite ingiustizie all’italiana maniera, è questione di forza e appartenenza: siamo dei professionisti misconosciuti, poco valorizzati e con ruolo sociale marginale, però aiutiamo tante persone disagiate e le loro famiglie. Forse è l’unica gratificazione che il nostro governo pensa possa bastarci e che debba sostenerci sino ai 67 anni. Grazie. Anna E.P.

  11. giuseppina chiazzolla
    era ora che i braccianti agricoli,sono stati inseriti come lavoratori addetti a lavori usuranti.

  12. Ma non era meglio (forse) approvare subito quota 100 invece di infilarsi in un labirinto di categorie e lavori usuranti? I lavori sono tutti usuranti, provate per 20 anni ad avere a che fare quotidianamente con i bitumi
    e le asfaltature stradali e i prodotti chimici legati a questo lavoro! Da incubo!

  13. I lavoratori di concessionaria auto, meccanici, capo officina, ecc. Stanno dentro il pacchetto lavori usuranti?

  14. E i disoccupati anziani con oltre 30 anni di contributi cosa devono aspettare ? Non li vedo mai in nessun elenco.

  15. O.S.S. siamo badanti ? Lavorare nelle case di riposo, non è badare a persone NON auto sufficienti ???

  16. Perché fornai pasticceri che stanno sempre a 45/50 gradi davanti al forno ore e ore, escono sono sempre con raffreddori e polmoniti, infatti sono quasi tutti con malattie croniche alle vie respiratorie. fateci partecipare anche a noi grazie

  17. I vigili urbani secondo uno studio fatto in Gran Bretagna,hanno una aspettativa di vita di 8 anni in meno,come mai non sono riconosciuti come lavori usuranti gravosi?…..

  18. E chi lavora nelle verniciature non ha il diritto di uscire a 41 anni ? E se anche precoce? E pensare che qualche tempo fa si usciva con 35 anni per la nocività! Non so chi l’ha deciso che non è più nocivo….È vergognoso

  19. noi guardie giurate che facciamo dalle ottanta alle cento notti ogni anno facciamo parte dei lavori usuranti????siamo una categoria molto usurati
    distinti saluti.

  20. Le guardie particolare giurate con 42 e 6 di contributi anche lavoratore precoce 64anni rìentranò come lavoro usurante?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here