Spesometro annuale 2017

La scadenza per l’invio dello Spesometro è passata da pochi giorni, ma, alla luce dei problemi insorti con questo invio, si pensa ad una sua riforma con ritorno all’invio unico annuale per il 2018 e ad un addio per il 2019 con l’obbligo della fatturazione elettronica.

Mercoledì scorso è stata approvata dalla commissione Finanze della Camera una Risoluzione, con via libera anche da parte del viceministro dell’Economica Luigi Casero, che impegna il Governo a intervenire con delle correzioni già nella conversione del Decreto Fiscale, collegato alla Manovra di Bilancio, in esame del Senato.

Nella risoluzione si chiede:

  • uno sfoltimento dei dati da trasmettere,
  • ritorno all’invio annuale nel 2018,
  • accorpamento fatture di piccoli importi con invio unico sotto i 300 euro
  • non applicabilità delle sanzioni per gli invio relativi al primo semestre 2017.

Infine il Parlamento chiede all’Esecutivo che con l’obbligatorietà della fattura elettronica dal 2019 (secondo la nuova Manovra), di ipotizzare un’abolizione dello Spesometro, garantendo i diritti dei cittadini e la loro privacy.


CONDIVIDI
Articolo precedenteApe volontaria, pubblicato il decreto: tutte le novità
Articolo successivoRc Auto, reclamo alla compagnia e all’Ivass: come, quando e perché

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here