calendario scadenze

La seconda rata da pagare per chi ha aderito alla definizione agevolata, o
rottamazione delle cartelle esattoriali è fissata per il 30 settembre, ma, trattandosi
di un sabato, slitta a oggi 2 ottobre. Ecco una breve Guida con le informazioni utili e i suggerimenti dell’ultim’ora.

Nel caso di mancato o tardivo pagamento:

  • si perdono i benefici della rottamazione e l’Agenzia delle Entrate-Riscossione
    dovrà riprendere le procedure per recuperare le somme intere senza agevolazioni;
  • non si possono ottenere nuovi rateizzi, tranne che per le cartelle o gli avvisi
    notificati da meno di 60 giorni dalla presentazione della dichiarazione di adesione;
  • i pagamenti già effettuati sono considerati acconti degli importi complessivamente dovuti.

Nel caso del pagamento della prima o unica data:

  • nel caso di un fermo amministrativo, si può richiedere la sospensione nel
    momento in cui il fermo stesso sia stato inserito nella definizione agevolata;
  • vengono revocati i piani di rottamazione precedenti riferiti a cartelle o avvisi
    oggetto della rottamazione stessa.

I contribuenti che hanno aderito alla definizione agevolata, o rottamazione, hanno
ricevuto i bollettini con le rate da pagare contenenti l’importo, il numero della rata, la
scadenza del pagamento e il codice RAV.

È possibile pagare i bollettini:

  • presso gli sportelli bancari;
  • mediante l’internet banking;
  • con la domiciliazione bancaria;
  • tramite gli sportelli bancomat;
  • presso gli uffici postali;
  • presso i tabaccai convenzionati con Banca Spa, punti vendita Sisal e Lottomatica;
  • sul sito della Agenzia delle Entrate- Riscossione e App Equiclick;
  • presso gli sportelli della Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Per il 2018 si sta lavorando per una rottamazione bis, in cui rientreranno gli esclusi
della prima rottamazione e coloro che hanno ricevuto le cartelle esattoriali nei primi
quattro mesi del 2017.

Tra gli esclusi della prima rottamazione rientrano sia coloro che si sono visti
rifiutare la domanda di adesione perché non erano in regola con i vecchi rateizzi o
per degli errori di compilazione della domanda, sia coloro che non sono riusciti a
pagare la prima rata del 31 luglio.

Normativa di riferimento:
– Decreto Legislativo 27 marzo 2017 n. 36;
– Art. 6 del D.L. 22 ottobre 2016, n. 193;
– Legge 1° dicembre 2016, n. 225.

Volume consigliato

Rottamazione 
cartelle esattoriali

Rottamazione 
cartelle esattoriali

Sistemafisco, 2016, Maggioli Editore

All’interno della confezione, oltre ad un e-book dedicato alla “rottamazione delle cartelle di 
pagamento”, è presente un utilissimo applicativo che consente di determinare il risparmio 
derivante dalla definizione agevolata delle cartelle esattoriali, introdotta dal...




CONDIVIDI
Articolo precedenteAnagrafe tributaria, la Corte dei Conti bacchetta l’Agenzia delle Entrate
Articolo successivoCumulo gratuito, in arrivo la Circolare Inps per sbloccare le pensioni

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here