iva 2016

L’Italia è al primo posto tra gli stati membri dell’Ue con un record di 35 miliardi di euro di perdite legate all’evasione Iva. La Commissione Europea ha reso noto i dati relativi al 2015 segnalando un’evasione generale di 152 miliardi di euro.

Dai dati si rileva che le maggiori perdite sono state registrate in Romania (37,2%), Slovacchia (29,4%) e Grecia (28,3%), ma in termini di valore assoluto il nostro Paese detiene il record negativo con 35 miliardi di euro di perdite.

Dal report di Bruxelles l’Italia è passata da un gap di quasi 41 miliardi nel 2011, a 38 nel 2014 e infine 35 nel 2015, un miglioramento del 3%. I dati presentati dalla Commissione Ue non combaciano con quelli forniti dal Governo Gentiloni sul rapporto della lotta all’evasione fiscale, allegato alla Nota di aggiornamento del Def e presentato quasi una settimana fa.


Secondo il ministero dell’Economia e Finanze la stima, ancora provvisoria del 2015 si attesta sui 34,77 miliardi, ma soprattutto nel 2014  risulta 36,2 miliardi  contro i 38 dell’Ue e nel 2011 36,3 miliardi contro i 41 dichiarati da Bruxelles.

Da segnalare anche che in Spagna e Croazia la raccolta dei versamenti è stata particolarmente buona, e in generale Malta, Spagna e Romania registrano i miglioramenti più proficui. Piccoli aumenti in Belgio, Danimarca, Irlanda, Grecia, Lussemburgo, Finlandia e Regno Unito.

Ricordiamo che il prossimo mese la Commissione Europea presenterà un progetto di riforma legata alla normativa IVA per facilitare la tracciabilità della frode e rendere più efficiente la riscossione. La riforma è legata anche allo sviluppo del mercato unico digitale per ottenere un sistema fiscale più efficiente

“Gli Stati membri non dovrebbero accettare tali perdite Iva – ha dichiarato  Pierre Moscovici, commissario per gli affari economici e finanziari, fiscali e doganali – La Commissione sostiene gli sforzi per migliorare la raccolta Iva in tutta l’Ue, tuttavia le regole che disciplinano l’imposta risalgono al 1993 e necessitano di essere aggiornate”.

Consigliamo la lettura di

Manuale IVA 2017

Manuale IVA 2017

Nicola Forte, 2016, Maggioli Editore

Di notevole valore contenutistico per l’ampiezza dell’esposizione e l’analisi puntuale dei temi trattati, il Manuale IVA 2017 - integrato con le novità introdotte dalle disposizioni contenute nella Legge di bilancio 2017 e nel Decreto...




CONDIVIDI
Articolo precedentePensioni, il cumulo gratuito non parte. Come fare domanda
Articolo successivoTassa Rifiuti, ridotta del 40% se c’è disservizio nella raccolta

1 COOMENTO

  1. Questo è il motivo per cui si cerca di porre rimedio alla situazione con le nuove norme di comunicazione delle fatture e delle liquidazioni con cadenza trimestrale.
    Personalmente non credo che questi nuovi adempimenti rappresentino la panacea di tutti i mali.
    Stanno creando solo confusione e lavoro negli studi professionali!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here