affitto d'azienda

Via libera alle agevolazioni per le imprese che prevedono delle misure di conciliazione tra famiglia e lavoro per i propri dipendenti. In questi giorni i ministri del Lavoro Giuliano Poletti e dell’Economia Pier Carlo Padoan hanno firmato il decreto sugli sgravi contributivi per i datori di lavoro che inseriscono tali misure all’interno dei contratti collettivi aziendali. Vediamo nel dettaglio cosa prevede il decreto e come presentare la domanda.

Il decreto recepisce le indicazioni contenute nelle Linee guida elaborate da una Cabina di regia presieduta dal Ministero del lavoro e destina circa 110 milioni di euro per il 2017 e 2018.

I requisiti per accedere ai benefici

Per accedere ai benefici le imprese devono prevedere almeno 2 misure di conciliazione tra le seguenti e, di queste almeno 1 legate alla genitorialità o flessibilità:


Area di intervento genitorialità

  • Estensione temporale del congedo di paternità, con previsione della relativa indennità;
  • Estensione del congedo parentale, in termini temporali e/o di integrazione della relativa
    indennità;
  • Previsione di nidi d’infanzia l Asili nido l Spazi Iudica-ricreativi aziendali o
    interaziendali;
  • Percorsi formativi (e-learning l coaching) per favorire il rientro dal congedo di
    maternità;
  • Buoni per l’acquisto di servizi di baby sitting.

Area di intervento flessibilità organizzativa

  • Lavoro agile;
  • Flessibilità oraria in entrata e uscita;
  • Part-time;
  • Banca ore;
  • Cessione solidale dei permessi con integrazione da parte dell’impresa dei permessi
    ceduti.

Welfare aziendale

  • Convenzioni per l’erogazione di servizi time saving;
  • Convenzioni con strutture per servizi di cura;
  • Buoni per l’acquisto di servizi di cura.

Le misure dovranno essere contenute all’interno dei contratti collettivi aziendali sottoscritti e depositati dal 1° gennaio 2017 e non oltre il 31 agosto 2018.

Come presentare domanda

Le imprese potranno inviare la domanda in via telematica all’Inps, dopo la pubblicazione del decreto entro:

  • 15 novembre 2017 per i contratti depositati entro il 15 ottobre 2017.
  • 15 settembre 2018 per quelli depositati entro il 31 agosto 2018.

La domanda dovrà contenere:

  •  i dati identificativi azienda,
  •  la data di sottoscrizione del contratto aziendale,
  • la data del deposito presso l’ispettorato del lavoro,
  • la dichiarazione di conformità del contratto aziendale. 

I benefici decorreranno dal 36esimo giorno successivo al termine ultimo per la trasmissione delle domande.

Il decreto prevede che “il venti per cento dell’ammontare delle risorse finanziarie disponibili in relazione a ciascun anno è attribuito in misura eguale sulla base del numero complessivo dei datori di lavoro ammessi allo sgravio contributivo. Il restante ottanta per cento dell’ammontare delle risorse finanziarie disponibili in relazione a ciascun anno è attribuito sulla base del numero medio dei dipendenti occupati nel corso dell’anno civile precedente la domanda di cui ali’ articolo 6 dai medesimi datori di lavoro”.

Inoltre “il beneficio riconosciuto non può in ogni caso eccedere l’importo corrispondente alla misura del cinque per cento della retribuzione imponibile ai fini previdenziali dichiarata dal medesimo datore di lavoro nel corso dell’anno precedente” e può essere concesso una sola volta nel biennio.


CONDIVIDI
Articolo precedenteBuona Scuola, al via il nuovo Bonus 500 euro:come e cosa acquistare
Articolo successivoPubblico impiego, maxi concorso per le assunzioni

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here