bosco

Ti ricordi i propositi che hai definito all’inizio di quest’anno? Quali sono? A che punto sei della realizzazione? Se sei come la maggior parte delle persone, è probabile che tu abbia già abbandonato da tempo questi obiettivi. Probabilmente ti stanno venendo in mente adesso che te ne parlo.

Questo è un peccato perché definire obiettivi è una delle azioni più potenti che si possano fare per se stessi e per il proprio lavoro. Impostare obiettivi e perseguirli con dedizione e azione costante senza se e senza ma, è la strada per raggiungere qualsiasi meta. E se ti è capitato in passato di definire propositi e non realizzarli, molto probabilmente è perché tu hai scelto di rinunciare a metà strada … magari raccontandoti delle scuse, travestite da plausibili e assennate motivazioni.

Ma c’è una seconda chance, un secondo Capodanno: la ripartenza di settembre. Non so se è così anche per te, ma per me il vero inizio dell’anno è proprio questo periodo, un po’ per abitudine mentale dai tempi della scuola, un po’ perché d’estate mi trasferisco in Trentino tra i boschi, dove l’aria sottile e il potere terapeutico delle piante, mi aiutano a resettare la mente e mi rendono particolarmente creativa.


E anche se tendenzialmente non sarei una grande fan della pianificazione e mi lascerei distrarre da tutte le novità che mi passano davanti, ho sperimentato come, pianificare e rispettare i piani, fa la differenza (in meglio), in termini di progetti portati a termine, minor tempo speso per realizzarli, più tempo libero per me.

Io fisso i miei obiettivi di 90 giorni in 90 giorni, ripartendo proprio da settembre. 90 giorni sono in lasso di tempo ragionevole per raggiungere dei risultati soddisfacenti, che provocano positivi effetti biochimici sul cervello, aumentando la motivazione, che porterà a voler raggiungere nuovi risultati, alimentando un circolo virtuoso.

Voltandomi indietro a guardare la strada che ho percorso in 365 giorni, sono quasi sorpresa da quanto sono riuscita a realizzare dal punto di vista professionale, personale e del benessere psicofisico definendo obiettivi e rispettando il programma per portarli a compimento.

Non sto condividendo queste cose per vantarmi, ma unicamente per dimostrarti che se vuoi davvero qualcosa, se sai come ottenerla, fai un programma e lo rispetti, se smetti di raccontarti delle storie per giustificarti e superi le zavorre mentali che ti stanno bloccando, puoi davvero raggiungere qualsiasi obiettivo.

Non è una questione di SE, ma di QUANDO, ed è tutta una questione di sapere cosa vuoi e mantenere la concentrazione e il focus sull’ottenerlo.

Se anche tu continui a lasciarti distrarre da qualcosa che ti allontana dai tuoi traguardi oppure se vuoi davvero raggiungere quel risultato nei prossimi 90 giorni, ecco 7 suggerimenti per “stare sul pezzo”.

  1. Crea una mappa della visione. Questa è attività divertente e creativo, che amo particolarmente e che faccio almeno una volta all’anno da quanto l’ho scoperta. Una mappa della visione è un collage di immagini che rappresentano i tuoi traguardi e i tuoi sogni. Creare una mappa della visione ti aiuta a visualizzare più chiaramente i tuoi obiettivi finali, cosa che inevitabilmente ti ispira a intraprendere azioni coerenti, e se la appendi in vista, ti aiuterà anche e a ricordare i tuoi obiettivi ogni giorno, rafforzandoli. Non solo: se fai fatica a fare la mappa, vuol dire che non hai chiaro cosa vuoi!
  2. Chiarisciti sul perché vuoi veramente quello che vuoi.  Se continui tergiversare la messa in pratica delle azioni per conseguire i tuoi obiettivi o se li lasci a metà, forse non ti interessano veramente, forse non sono obiettivi voluti da te. Per quanto mi riguarda, se veramente mi interessa ottenere qualcosa, vado avanti come un caterpillar finché non ho ottenuto il risultato, mettendo in atto tutte le mie capacità di problem solver quando incontro un ostacolo. E se mi accorgo che sto raccontandomi scuse, mi interrogo sulla mia reale motivazione.
  3. Concentrati al massimo su 1-3 obiettivi. Se hai difficoltà a rispettare i piani, forse hai troppi obiettivi o forse non hai definito davvero quelli importanti. Scegli da 1 a 3 obiettivi al massimo, che facciano la differenza per quello che vuoi nella vita. Stai su quelli, e non iniziare niente altro finché non hai portato a termine quelli. Quando li scegli, tra tutti quelli che hai in essere, potresti cogliere l’occasione per verificare se quelli che non hai ancora portato a termine sono ancora attuali o utili.  Per me in questo momento l’obiettivo prioritario è allargare la mia community, quindi mi assicuro che tutte le mie azioni quotidiane vadano in questa direzione. Articoli, video, Masterclass per dare qualcosa di utile e di valore per chi mi segue. Se faccio altro, capisco che sono fuori strada. Questo focus mi ha aiutato a fare molti più progressi di quando non vagavo tra 5-7 obiettivi, senza una priorità e senza sapere bene come avrebbero contribuito al mio macro obiettivo finale.
  4. Definisci un piano. Se hai elaborato un piano con le azioni da fare per il tuo obiettivo e hai fissato in agenda quando lo farai, diventerà molto più facile da fare quello che serve per conseguirlo. Tutto quello che hai da fare è seguire le azioni che hai programmato per la giornata e rispettare i tempi. Il momento migliore per creare il tuo piano è quando hai impostato l’obiettivo, perché proprio quando la tua motivazione è la più alta.
  5. Definisci  milestones. Se il tuo traguardo è molto lungimirante, potresti provare un senso di sopraffazione o scoraggiarti, soprattutto se non vedi risultati nel breve periodo. Io, ad esempio, mi sento sempre travolta da obiettivi a lunga scadenza ed è per questo che li suddivido in sotto – obiettivi, di cui posso vedere risultati tangibili in un tempo relativamente breve. Se non lo faccio, è certo che comincio a procrastinare. Inoltre questo mi dà la scusa per festeggiare ogni traguardo raggiunto e magari prendermi delle pause, facendo un viaggio, tra un progetto e l’altro.
  6. Tieni traccia dei risultati. È importante per me tracciare i risultati di quello che faccio, perché altrimenti non capisco a che punto sono e se le mie azioni quotidiane contribuiscono realmente a fare la differenza per quello che voglio ottenere. Quindi è sempre utile supportare la definizione della tua meta con metriche dalle quali capirai se sei sulla buona strada o se devi correggere il tiro.
  7.  Impara a dire no. Ti capita spesso di mettere da parte i tuoi obiettivi a vantaggio di quelli di altri? Va vene farlo qualche volta, ma se diventa un’abitudine, è il momento di imparare a dire NO e dare priorità alla tua vita. Ti invito a provare. Per una settimana impegnati a dire no alle distrazioni estemporanee, al telefono che suona, alle notifiche di Facebook e a tutto quello che ti sta distraendo.

Molto probabilmente quello che hai letto non è una novità. Se non hai realizzato i tuoi obiettivi, la novità sarà mettere in pratica quello che sai già.

E se vuoi un aiuto in più, ti invito a  Aperitivo Business con Angela la serie di Mini Masterclass gratuite del  lunedì alle 18.30 in cui tratterò gli argomenti che riscontro più di frequente nella mia pratica di coach e quelli che mi vorrai segnalare anche tu.

Il Primo appuntamento è l’ 11 settembre alle 18.30  con SBLOCCATI AL VOLO! (come realizzare qualsiasi progetto senza bloccarti o procrastinare). PRENOTA IL TUO POSTO QUI 

Ti aspetto :-)

P.S. segnati già i prossimi appuntamenti!

Lunedì 18/09 Come concentrarti sull’essenziale e arrivare al traguardo con più tempo per te.

Lunedì 25/09 Come capire a cosa dare le giuste priorità per sviluppare il tuo business nei prossimi mesi


CONDIVIDI
Articolo precedenteAuto storiche o d’epoca, cosa prevede la normativa sulla circolazione stradale
Articolo successivoIl prodotto che diventa servizio

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here