Ape Social Invalidità

Nuove regole per accedere all’assegno sociale e alla pensione di invalidità. L’Inps ha recepito la sentenza della Cassazione n. 12796/2005, comunicando con il messaggio n. 3098 del 25 luglio scorso, la revisione delle domande pendenti e invitando a presentare nuova istanza per quelle respinte.

I giudici della Suprema Corte hanno stabilito che la determinazione dei redditi per accedere alle prestazioni di invalidità civile (assegno sociale e pensione di invalidità) va effettuata applicando anche agli arretrati soggetti a tassazione separata secondo il principio di competenza, dando torto all’Inps.

Finora le regole per l’assegno sociale e le prestazioni di invalidità civile si riferivano alla circolare Inps n.126/2010, secondo cui:

  • per l’assegno sociale, nel calcolo dei redditi – ai fini del riconoscimento dell’assegno – si applicava il criterio di competenza;
  • per le pensioni di invalidità civile, tutti gli arretrati soggetti a tassazione separata, a prescindere dall’anno di competenza (criterio di cassa).

Le nuove domande verranno da oggi esaminate n base alla nuova sentenza recepita.Sulle istanze precedentemente respinte e che, secondo il nuovo orientamento, avrebbero avuto esito positivo, l’Inps specifica che:

  • in caso di domanda respinta per la quale è pendente istanza di riesame: risposta positiva alla domanda;
  • in caso di domanda respinta per la quale è pendente ricorso amministrativo al Comitato provinciale: la sede INPS dovrà riconoscere la prestazione in autotutela;
  • in caso di domanda respinta per la quale, a seguito di ricorso al Comitato provinciale e di accoglimento dello stesso, il Direttore di Sede abbia sospeso la delibera di esecuzione: dopo la trasmissione della sospensiva alla Direzione centrale sostegno alla non autosufficienza, invalidità civile e altre prestazioni, la medesima Direzione trasmetterà alla Sede competente formale invito di accogliere l’istanza in autotutela.

Se la domanda era stata respinta e non c’è stato nessun seguito, il contribuente può ripresentare domanda all’INPS, che a questo punto dovrà accoglierla.


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiscatto laurea gratis, arriva la campagna social
Articolo successivoBonus Cicogna, 500 euro per i nati nel 2016. Come fare domanda

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here