È in dirittura di arrivo il decreto del Miur sui requisiti per la partecipazione dei docenti non abilitati al Concorso Scuola 2018. Il provvedimento, che secondo le ultime voci sembra in pubblicazione entro pochi giorni, riguarda la fase transitoria della formazione dei nuovi insegnanti: i requisiti, gli ambiti, i costi.

I requisiti

Il provvedimento del Miur stabilirà i requisiti per accedere al concorso, ovvero il conseguimento di 24 CFU “acquisiti nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche, garantendo comunque il possesso di almeno sei crediti in almeno tre dei seguenti quattro ambiti disciplinari: pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione; psicologia; antropologia; metodologie e tecnologie didattiche”.

I CFU potranno essere acquisiti anche separatamente, qualora alcuni docenti ne avessero già acquisito alcuni nel proprio percorso di studi. Saranno considerati anche i crediti acquisiti attraverso master e scuole di specializzazione.

I costi

Con una spesa al massimo di 500 euro i docenti potranno mettersi in pari con i crediti formativi (i famosi CFU) e poter partecipare al prossimo concorso anche con una laurea magistrale generica. Il costo comprenderà l’iscrizione, la frequenza e il certificato finale e avrà criteri di progressività, stabiliti dalle singole Università.

Il tetto vale per le università statali, che potranno decidere di spacchettare i singoli esami nel caso in cui il candidato ne abbia sostenuti alcuni.

Una volta pubblicato il decreto, le università dovranno organizzarsi per rispettare le tempistiche previste dal prossimo concorso docenti del 2018. Nella maggior parte dei casi si tratterà di allungare corsi già presenti per la durata di un semestre.


CONDIVIDI
Articolo precedenteLe nuove garanzie sui finanziamenti alle imprese
Articolo successivoRiscatto laurea gratis, arriva la campagna social

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here