Concorso Banca d’Italia, dopo il numero esagerato di domande di iscrizione, ecco la graduatoria definitiva che ridurrà drasticamente i partecipanti al bando più discusso degli ultimi mesi. In anticipo rispetto a quanto annunciato, è già possibile conoscere se la propria domanda ha “superato” il primo scoglio della preselezione a questo indirizzo.

Una volta chiuse le domande di ammissione, infatti, aveva suscitato grande scalpore, su tg, giornali e televisioni, il numero monstre di 85mila aspiranti per appena 30 posizioni da vice assistenti, il cui inserimento in organico per l’istituzione principale del sistema creditizio nazionale è previsto per metà del 2018.

Insomma, tempi piuttosto stretti visti i numeri in ballo ed è forse per questo che si è arrivati in anticipo a chiudere la grande scrematura, che abbasserà a meno di un decimo i pretendenti.

Da 85mila, insomma, si passa a questo punto ad “appena” 8140 candidati che si giocheranno, poi, il piazzamento per le prime trenta posizioni e vedersi assicurato, così, il contratto a tempo indeterminato con 28.300 euro lordi di stipendio base, cui si potranno aggiungere, relativamente a mansioni richieste ed attività svolte, anche indennità e premi di produttività.

Insomma, un contratto niente male, che, per chi conosce il mondo del lavoro degli ultimi anni, spiega già molto dell’assalto che si è consumato nei mesi scorsi a questa selezione, forse molto difficile da aggiudicarsi, ma in grado di assicurare un futuro certo a coloro che potranno raggiungere la meta agognata.

La graduatoria di oggi

Era stata annunciata per domani la graduatoria definitiva, attraverso cui dovrebbe essere reso noto pubblicamente chi è finito sotto la grande mannaia introdotta già nella versione originale del bando di selezione e chi invece ha superato l’ostacolo. Nell’elenco vi figurano i primi 8140 che abbiano oltrepassato il punteggio base di 11,40, assegnato secondo alcuni criteri di attribuzione che premiano votazioni e titoli di studio, a partire dal diploma fino alle lauree, sia di vecchio che di nuovo ordinamento. Nel frattempo, è sufficiente collegarsi al link segnalato, inserendo alternativamente il proprio codice fiscale o il cognome e il numero associato alla domanda presentata.

Questi i criteri adoperati per stilare la graduatoria

Gli oltre 8mila che si ritroveranno nella lista, saranno coloro che fisicamente dovranno sostenere la prova scritta, che consisterà in un test di 100 domande per 100 minuti e una prova orale, ma di cui ancora non si conoscono le date esatte, che è lecito attendersi, a questo punto, nella prima parte dell’autunno.

Vai allo speciale concorsi

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome