Home Fisco Da oggi addio al Libretto al Portatore, cosa fare per chi ne...

Da oggi addio al Libretto al Portatore, cosa fare per chi ne ha uno

Il Decreto antiriciclaggio mette fuori legge i libretti di risparmio senza nominativo: i risparmiatori hanno tempo fino al 31 dicembre 2018.

Da oggi va in pensione il Libretto al Portatore, ovvero il libretto di risparmio non associato a nessun nominativo e che permette di prelevare e versare soldi a chiunque lo possieda. Lo ha stabilito il Governo con il recente Decreto Antiriciclaggio (d.lgs. n. 90/2017) a seguito di una direttiva del 2015 dell’Unione Europea che li considera uno strumento per finanziare il riciclaggio e il terrorismo. Con questo Libretto senza nominativo, infatti, i prelievi e versamenti non sono tracciabili e, quindi, può diventare uno strumento potenzialmente pericoloso.

Il Libretto al Portatore è una forma di investimento nata nel 1875 da un’idea di Quintino Sella, l’allora Ministro delle Finanze ed è diventato con gli anni il libretto in cui si mettevano da parte i risparmi da parte di nonni e genitori. Già nel 2005 l’Unione Europea ne aveva chiesto la cancellazione. I vari Governi italiani si sono limitati più volte ad abbassare il tetto massimo di deposito fino al 2012 quando il Governo Monti ha fissato la cifra massima a 999,99 euro. Dopo la direttiva Ue del 2015 l’Italia era obbligata ad adeguarsi per non incorrere in un’infrazione.

Ma cosa succede per chi ne possiede uno?

A partire da oggi gli uffici postali e quelli bancari non potranno rilasciare i libretti al portatore, ma solo quelli nominativi.

Ricordiamo che da oggi chi si presenta con un libretto di questo tipo potrà versare o prelevare solo se è l’effettivo titolare, ovvero il cliente originario per la banca o l’ufficio postale. C’è tempo fino al 31 dicembre 2018 per estinguere il libretto al Portatore, trasformandolo in uno di tipo nominativo oppure ritirando i soldi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome