assegni familiari 2016

Con la circolare n. 87 del 18 maggio scorso l’Inps ha pubblicato la tabella relativa agli assegni familiari, con importi, limite di reddito e modalità di calcolo degli ANF. Gli importi sono rimasti invariati rispetto al 2016.
Ecco una breve Guida su come si calcola l’importo dell’assegno familiare, quali sono i requisiti per ottenerlo e come presentare la domanda.

Come si calcola l’importo degli assegni familiari?

L’Inps determina l’importo degli assegni familiari prendendo in considerazione 3 fattori:

  • reddito del nucleo familiare,
  • numero dei componenti della famiglia anagrafica,
  • fasce di reddito contenute nella tabella Inps relative al periodo tra il 1° luglio 2017 e il 31 giugno 2018.

Le tabelle Inps per il calcolo dell’assegno familiare si suddividono sulle base del nucleo familiare:

  • nucleo familiare senza figli;
  • nucleo familiare con figli;
  • nucleo familiare senza figli minori.

Leggi anche Assegni Familiari 2017: come compilare il modulo. Ecco la tabella

Chi può fare richiesta degli assegni familiari

Gli assegni familiari sono un contributo che viene corrisposto ai lavoratori dipendenti e ai pensionati che hanno una famiglia numerosa ma un reddito complessivo molto basso. possono beneficiarne anche:

  • i percettori di indennità di disoccupazione;
  • i lavoratori che si trovano in regime di Cassa integrazione o mobilità;
  • i lavoratori assenti per malattia o maternità;
  • i lavoratori in aspettativa per cariche pubbliche elettive e sindacali;
  • i lavoratori dell’industria o marittimi in congedo matrimoniale;
  • i soci di cooperative;
  • i lavoratori con contratto part-time;
  • pensionati ex lavoratori dipendenti.

Come presentare la domanda per gli assegni familiari?

Chi vuole beneficiare del contributo deve presentare richiesta  al proprio datore di lavoro, che anticiperà il contributo Inps, con l’apposito modello ANF/DIP (SR 16)

Per i lavoratori per i quali è previsto il pagamento diretto da parte dell’Istituto la domanda di assegni familiari 2017 dovrà essere inviata direttamente all’Inps in modalità telematica.

I richiedenti devono presentare domanda ogni anno e comunicare eventuali variazioni nella composizione del nucleo familiare entro 30 giorni dall’evento.

Per approfondire consulta lo speciale Assegni Familiari 


CONDIVIDI
Articolo precedentePensioni, come cambia il meccanismo di integrazione
Articolo successivoLa notifica della cartella di pagamento a mezzo Pec dal 1° luglio 2017

2 COMMENTI

  1. Io ho fatto richiesta il 20 marzo 2017 è ho chiesto gli assegni familiari pregressi al mio ex datore, compilando il modello SR 16. Ho fatto anche la domanda tramite il patronato ANF non contestuale.ho chiamo per fare il sollecito. Ho detto che il mio Ex datore ha mandato una PEC per sapere dall’INPS l’importo, è nessuna risposta hanno dato al mio Ex datore. quando ho fatto il primo sollecito non mi hanno dato risposta, li ho richiamato in un secondo momento è dopo qualche giorno mi scrive l’INPS che nessuna Delle 400 domande non le hanno viste per mancanza di personale. Questa è una vergogna perché sono capaci di prendere, ma di dare ci mettono i secoli è intanto una famiglia se non ha entrate non sa come tirare avanti!

  2. Se i datori di lavoro si prendono anche gli assegni famigliari come bisogna fare per avere gli assegni famigliari direttamente dal ips

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here