Il bando del Concorso Polizia di Stato 2017 per l’assunzione di 1.148 Allievi agenti è stato finalmente pubblicato venerdì 26 maggio, come riportato in tempo reale da LeggiOggi. Sulla base delle informazioni ufficiali ora disponibili, vediamo allora nel dettaglio in che modo i candidati devono inviare domanda di partecipazione al concorso, quali sono le date di scadenza e quanti posti saranno riservati ai cittadini e ai militari in servizio e in congedo.

Per approfondire, visita la nostra sezione dedicata al Concorso Polizia.

 

Concorso Polizia 2017: come si invia la domanda?

Prima di tutto, la domanda più attesa: come si invia la domanda di iscrizione al Concorso Polizia?

Come specificato dal bando pubblicato in Gazzetta Ufficiale, la richiesta di partecipazione deve essere compilata e inviata esclusivamente per via telematica all’indirizzo internet https://concorsips.interno.it. Dopo aver seguito tutte le istruzioni, il candidato dovrà stampare la relativa ricevuta che dovrà essere presentata il giorno della prova scritta d’esame. Termine ultimo per l’invio della domanda è il 26 giugno 2017.

La domanda inviata può, in ogni caso, essere modificata dal candidato entro il termine del 26 giugno: sarà, nello specifico, ritenuta valida dal sistema la domanda inviata per ultima.

Cosa bisogna dichiarare nella domanda di partecipazione?

Nella domanda di partecipazione al concorso da inviare per via telematica gli aspiranti Allievi agenti dovranno dichiarare il nome e cognome, la data e il luogo di nascita e la residenza o domicilio, specificando l’indirizzo di posta elettronica dove intendono ricevere tutte le comunicazioni relative alla selezione. I candidati dovranno inoltre indicare il titolo di studio, il codice fiscale e il Comune di iscrizione alle liste elettorali e dichiarare di essere in possesso della cittadinanza italiana e di non avere condanne penali a carico.

Molto importante, poi, la conoscenza della lingua straniera: all’interno della domanda di partecipazione, ogni candidato dovrà indicare se vorrà sostenere la prova in lingua in inglese o in francese.

Concorso Polizia, quanti posti sono riservati ai cittadini e ai militari?

Come più volte annunciato, il Concorso Polizia 2017 è particolarmente importante per gli aspiranti Allievi agenti perché è aperto anche ai civili senza trascorsi nell’esercito. Il bando pubblicato in Gazzetta Ufficiale specifica che sono disponibili:

  • 893 posti aperti a tutti i cittadini italiani, di età inferiore a 30 anni e in possesso della licenza media;
  • 179 posti riservati ai volontari in ferma prefissata di un anno (VFP1) in servizio da almeno 6 mesi;
  • 76 posti riservati ai volontari in ferma prefissata di un anno (VFP1) collocati in congedo o ai volontari in ferma quadriennale (VFP4) in servizio o in congedo.

Ma non solo: si ricorda che 2 dei posti a concorso sono riservati ai concorrenti in possesso dell’attestato di bilinguismo (italiano e tedesco) di livello non inferiore al diploma di istituto secondario di primo grado e ben 57 sono riservati ai candidati diplomati presso il Centro Studi di Fermo.

Appuntamento al prossimo 7 luglio

Quando ci si dovrà presentare, allora, per sostenere la prova scritta del Concorso Polizia?

Come specificato ancora dal bando pubblicato venerdì, la data e il luogo di svolgimento dell’esame scritto saranno comunicati il 7 luglio 2017, due settimane dopo la scadenza dell’invio delle domande, all’interno della Gazzetta Ufficiale, 4° Serie speciale, “Concorsi ed esami”.

Il volume per superare le prove del Concorso Polizia:

540 Allievi Agenti 
del Corpo di Polizia 
Penitenziaria

540 Allievi Agenti 
del Corpo di Polizia 
Penitenziaria

Autori Vari, 2017, Maggioli Editore

Il Manuale è pensato per quanti si preparano ad affrontare il concorso pubblico per il reclutamento di complessivi 540 posti di Allievi Agenti del Corpo di Polizia Penitenziaria, indetto con decreto del Ministero della Giustizia pubblicato in G.U. 7 aprile 2017, n. 27. Nello...




CONDIVIDI
Articolo precedenteDivorzio: niente assegno a chi guadagna più di 1.000 euro
Articolo successivoCommissione di concorso, l’amicizia su Facebook è causa di incompatibilità? Il TAR dice no

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here