Ape Volontaria 2017

Alla luce dell’importanza che riveste per milioni di italiani la Riforma delle Pensioni, introdotta dalla Legge di Stabilità 2017, vi alleghiamo un estratto utile a comprendere la portata del nuovo Anticipo Pensionistico, tratto dal Volume:

di Gabriele Bonati – Pietro Gremini, Previdenza 2017, Marzo 2017 (I Edizione), Maggioli Editore

“Il nuovo istituto della Pensione Anticipata deve ancora partire perché l’operatività è prevista al mese di maggio 2017 per poco più di un anno e mezzo. Poi si vedrà quanto questo strumento è stato apprezzato dagli assicurati che sono prossimi alla maturazione della pensione di vecchiaia e se lo stesso verrà prorogato in prossimità della scadenza di fine 2018.

Va sottolineato subito che l’APE è funzionale per anticipare il pensionamento di vecchiaia rispetto al quale il 2017 rappresenta l’ultimo anno di requisiti differenziati tra uomini e donne del settore privato e che dal 2019 il requisito dell’età pensionabile riprenderà a correre per effetto del probabile incremento della speranza di vita.

A decorrere dal 1° maggio 2017 in via sperimentale fino al 31 dicembre 2018, è istituito
l’anticipo finanziario a garanzia pensionistica (APE) che permette al lavoratore di anticipare la data del pensionamento rispetto alla tempistica prevista dalla legge Fornero per accedere alla pensione di vecchiaia.

Ape e pensione di vecchiaia: che relazione c’è?

Come vedremo l’APE è in realtà un meccanismo finanziario che non incide sui criteri
normativi per il pensionamento, ma è funzionale a fornire al lavoratore un prestito corrispondente in pratica a coprire l’ammontare anticipato della pensione senza gravare sulle casse dell’INPS. Il prestito dovrà essere restituito tramite rate mensili in 20 anni da trattenere dai ratei della futura pensione. Prima di analizzare i diversi aspetti (dai destinatari, ai requisiti fino al sistema di prestito e rimborso ecc.), vediamo di seguito uno schema generale illustrativo del nuovo istituto […]

Ciò detto e con la riserva di dettagliare di seguito le caratteristiche dei diversi passaggi
procedurali indicati, va intanto rimarcato che l’APE non è attivabile per anticipare la decorrenza della pensione anticipata. L’APE è corrisposto infatti, dice la legge di bilancio, fino alla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia di cui all’articolo 24, commi 6 e 7 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214.

Ape Volontaria: a chi spetta?

Pertanto l’unico istituto pensionistico che può essere anticipato tramite l’APE è
la pensione di vecchiaia sia per i lavoratori vecchi iscritti che per i nuovi iscritti
(v. il BOX 1 e il BOX 2 dove è riepilogato l’andamento dell’età pensionabile
– riferito sia ai nuovo che ai vecchi iscritti – fino al 2026, sulla base delle più
aggiornate proiezioni effettuate dall’Istat e pubblicate da un documento della
ragioneria dello stato di inizio 2016, nonché il BOX 4 per la classificazione
“vecchi e nuovi iscritti”).
L’anticipo, a nostro giudizio, può essere attivato anche nei confronti di chi maturerà
la pensione di vecchiaia dopo avere optato per il sistema di calcolo contributivo.
Infatti l’INPS con la circolare 35/2012 ha chiarito che nei riguardi di coloro che optano
per la liquidazione del trattamento pensionistico esclusivamente con le regole
di calcolo del sistema contributivo si applicano i requisiti di accesso alla pensione di
vecchiaia (oltre che per la pensione anticipata) previsti per i lavoratori in possesso di
anzianità contributiva al 31 dicembre 1995.”

Previdenza 2017

Previdenza 2017

Gabriele Bonati - Pietro Gremini, 2017, Maggioli Editore

Il volume rappresenta un vero e proprio instant book, che ha l’obiettivo di offrire un quadro generale e di immediata intuitività circa le ultime novità intervenute nel sistema previdenziale italiano, oggetto di numerosi provvedimenti, di cui alcuni ancora in corso di...




CONDIVIDI
Articolo precedenteDi chi è, oggi, il 25 aprile
Articolo successivoIva, per il Governo niente aumento nel 2018

3 COMMENTI

  1. Sono cantoniere. nella pubblica amministrazione dal 2009 maggio. Ho 65 anni, e pago inoltre 85 euro al mese di ricongiuzione. Ho già versato circa 5000.00 euro ne rimho ancheangono 10.000.00 . ho anche un’ivalidita al 47x cento. Cosa posso fare x uscire dal mondo del lavoro visto anche i miei problemi di salute? Grazie!

  2. sono un uomo di 61 anni invalito prendo una pensione di invalitit a di 278euri al mese poi 15 anni di contributi posso andare in pensione di vecchiaia

  3. PER QUELLO CHE RICUARDA LE PENSIONI IO O INIZIATO A LAVORARE A 16 ANNI X 2 ANNI X 365 GIORNI FACEVO IL LATTE PER VITELLI E MANGIONO TUTTI I GIORNI PER CHI NON LA SA ADESSO O 30 ANNI DI CONTRIBUTI E DI ETA 65 FATTI APRILE 2017 NON O UN LAVORO NON O SOLDI CHIEDO QUANDO VADO IO IN PESIONE??????? RISP [PERCHE NON CONTROLLAMO LA GENTE CHE SONO 20 CIRCA PRENDONO PENSIONE OLTRE 1500 € AL MESE E VANNO A LAVORARE DALLE VILLE E NON LASCIONO IL LAVORO A NOI CHE NON ABIAMO IO O VUTO LA MOGLIE MALE X 12 ANNI E I MIEI RISPARMI 90.000 €MI SONO SERVITI PER PAGARE LE BADANDI E ADESSO NON O PIU UN SOLDO ]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here