Archiviati gli eventi di Lecce e Napoli, che hanno visto una folta partecipazione di pubblico, sono iniziati i preparativi per i prossimi due eventi in calendario: Catania (21 aprile) e Milano (29 aprile).

Nelle prime due tappe sono stati analizzati i criteri per raggiungere una preparazione vincente. Capita spesso, infatti, di ascoltare commenti del tipo “ho studiato tantissimo, ma non è bastato!”, “ce l’ho messa tutta, ma ha prevalso chi è stato più fortunato di me, oppure chi si sapeva avrebbe vinto”, etc.

Ma siamo certi che sia proprio così? O si tratta di alibi? O ci sono aspetti della preparazione che vanno curati diversamente? Perché quando si perde viene automatico crearsi dei pretesti, che aiutano a digerire più facilmente la sconfitta, ma che spesso (non sempre!) non hanno alcun fondamento concreto: è un modo per evitare di dire che c’è stato qualcuno più bravo, qualcuno che ha studiato non solo, e non tanto, con maggiore impegno, ma che ha studiato con “criterio”. Perché vincere un concorso dipende solo in parte dalla quantità di studio profuso: troppo spesso ci si dimentica degli aspetti “qualitativi” dello studio e della gestione delle prove concorsuali.

A Lecce e Napoli Cotruvo, oltre a fornire una serie di preziose informazioni sui concorsi già banditi, o in via di pubblicazione, si è soffermato sugli sbagli che vengono commessi spesso in fase di preparazione di un concorso: sugli sbagli di cui non si è coscienti, ma che risultano poi determinanti nel sancire il fallimento ad una prova concorsuale, vanificando mesi (o anni) di duro studio. Insomma superare un concorso non è solo questione di quantità di ore di impegno sui libri, ma ancor più importante è l’approccio allo studio, è il tipo di studio adottato, è la gestione della prova: sono tanti gli aspetti che bisogna mettere a fuoco se si vuole vincere un concorso pubblico. Cotruvo lo ha spiegato splendidamente, affascinando ulteriormente i presenti con pillole di “saggezza” sulle tecniche di calcolo mentale e sulle tecniche di risoluzione di alcuni quesiti di logica, ormai frequentemente assegnati nelle prove preselettive dei concorsi pubblici.

Insomma per prepararsi a vincere, bisogna sbarazzarsi di qualunque tipo di alibi e adottare un metodo vincente! Se non hai avuto modo di partecipare ai primi due incontri, c’è ancora modo di iscriversi ai prossimi due incontri organizzati dalla casa editrice Maggioli: a Catania e Milano verranno forniti ulteriori aggiornamenti: e Data l’eccezionalità di questi incontri, che la Maggioli offre ai propri lettori gratuitamente, vi consigliamo di affrettarvi ad iscrivervi perché restano ancora pochi posti disponibili!

 

 

 

Clicca qui per iscriverti


 


CONDIVIDI
Articolo precedenteVelocità: quando la multa non è valida
Articolo successivoFake news: Facebook lancia un decalogo per riconoscerle

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here