Come si calcola la soglia di anomalia all’interno delle procedure di gara degli appalti pubblici? Sull’argomento è intervenuto di recente il TAR Piemonte, con la sentenza n. 327/2017 dello scorso 8 marzo. Secondo il tribunale amministrativo, il meccanismo previsto dal nuovo Codice degli Appalti è definibile come irrazionale. In particolare, con la riforma del codice in questione si voleva arginare il c.d. fenomeno delle cordate nelle gare, dovuto alla previsione di una soglia di esclusione automatica e predeterminata. E nonostante il nuovo meccanismo inserito sembrerebbe porvi rimedio, per il resto non pare abbia giustificazione.

Calcola le Offerte Anomale negli Appalti

La pronuncia del TAR Piemonte

Vi riportiamo di seguito la pronuncia del TAR: “Il mero sorteggio di uno qualunque degli altri criteri di possibile calcolo della soglia di anomalia avrebbe condotto ad esiti della gara anche radicalmente diversi. A mero titolo esemplificativo, applicando il criterio di calcolo di cui alla lett. a) dell’art. 97 la soglia di anomalia sarebbe stata pari al 25,9029%, con vittoria della concorrente […], che ha offerto un ribasso del 25,853%; applicando il criterio di calcolo di cui alla lett. c) la soglia di anomalia si sarebbe attestata al 28,884%, con vittoria della concorrente […], che ha offerto un ribasso del 26,883%; applicando il criterio di cui alla lett d) la soglia di anomalia si abbasserebbe drasticamente al 19,256%, con vittoria della concorrente […] che si colloca, con il 15,607%, addirittura in “un’ala” dei valori di ribasso.

I profili di incostituzionalità


“Appare quindi arduo individuare una logica di sistema della disposizione, nel suo confronto con la realtà di una gara, risultando pienamente rispettato il solo criterio dell’imprevedibilità dell’esito, con dubbio sacrificio di ogni altro valore (la soglia di anomalia dovrebbe correlarsi ad una ragionevole affidabilità dell’offerta, garantendo nel contempo all’amministrazione il miglior risultato economico possibile): la soglia di anomalia non sembra in questo contesto indice di alcun significato economico inerente le offerte, visto che può spaziare indifferentemente da più del 28% a poco meno del 20%, in un contesto ove i ribassi si sono attestati tra il 15% e il 32%, con l’effetto che quasi tutte o quasi nessuna delle offerte ammesse potrebbero essere qualificate “anomale” nella stessa gara a seconda del criterio sorteggiato. Non [si] ravvisa[…] alcuna logica economica delle operazioni, pur lodevolmente cercata dalle parti negli atti difensivi”.

Calcolo soglia di anomalia: il c.d. taglio delle ali

Alla luce dei principi di ragionevolezza e buon andamento e tutela dei bilanci pubblici, enunciati agli artt. 3 e 97 Cost., e riflettendo sulla pronuncia del TAR Piemonte, emerge l’illegittimità costituzionale del meccanismo di predeterminazione della soglia di anomalia.

Se si considera che tale meccanismo, benché limitato ai contratti di minor valore e azionabile in via volontaria da parte delle stazioni appaltanti, nonché soggetto all’ulteriore condizione del raggiungimento del numero minimo di offerte per utilizzarlo, si applica di fatto alla stragrande maggioranza (almeno in numero) degli appalti di lavori pubblici in Italia, è evidente che dall’entrata in vigore del nuovo codice appalti una fetta considerevole del mercato dei lavori pubblici medesimi soffre della distorsione derivante dalla circostanza che il criterio di assegnazione degli stessi è totalmente casuale e soprattutto svincolato da una valutazione di merito dell’offerta economica.

Per Operatori Economici e Stazioni Appaltanti, consigliamo il seguente Software:

software

Software per il calcolo delle offerte anomale negli appalti (art. 97, comma 2, del D.Lgs. n. 50/2016)

di Danilo Anania, Alessandro Massari , 2017, Maggioli Editore

Il software consente alle stazioni appaltanti e agli operatori economici di individuare le offerte anomale ai sensi dei cinque metodi previsti dall’art. 97, comma 2, del D.Lgs 50/2016.


CONDIVIDI
Articolo precedenteStipendio: nel 2017 addio al pagamento in contanti?
Articolo successivoVoucher aboliti dal 2018, arrivano i mini jobs

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here