Bonus Giovani INPS

La circolare INPS

Con la Circolare n.40 del 28/02/2017 viene data esecuzione allo stanziamento di 200 milioni di euro per gli incentivi dedicati a chi assume giovani fra i 16 e i 29 anni. La misura rientra all’interno di quanto previsto dal “Programma giovani“, annunciato con il decreto direttoriale n. 394 del 2 dicembre 2016.

A quanto ammonta il bonus giovani e come ottenerlo?

Entriamo subito nel vivo della questione parlando di cifre. Il bonus previsto varierà a seconda della natura del contratto stipulato con il nuovo lavoratore:

  • un massimale di 4.030€ l’anno sarà riconosciuto per coprire il 50% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro che assume un giovane a tempo determinato;
  • un massimale di 8.060€ sarà riconosciuto a copertura della totale contribuzione previdenziale al datore di lavoro che assume a tempo indeterminato.

La circolare contiene anche informazioni riguardo alle modalità di fruizione del bonus. Il datore di lavoro potrà compilare online (sul sito www.inps.it a questo link) la domanda preliminare di ammissione all’incentivo. Sul modulo andranno indicati:

  • i dati del lavoratore assunto o da assumere;
  • la Regione o la Provincia in cui verrà effettuata la prestazione lavorativa;
  • la retribuzione mensile riconosciuta al giovane dipendente;
  • l’aliquota contributiva datoriale.

Il documento, denominato “OCC.GIOV.“, verrà messo a disposizione entro 15 giorni dall’avvenuta pubblicazione della circolare. Sarà possibile recuperarlo all’interno dell’applicazione “DiResCo – Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente“.

Sarà possibile fruire del bonus a partire da aprile 2017, recuperando anche le quote relative ai primi mesi dell’anno in corso.

Tempi e requisiti

Come detto, l’incentivo verrà riconosciuto a tutti coloro che assumono giovani fra i 16 e i 29 anni non inseriti all’interno di un percorso di studi e non occupati. Questi devono essere iscritti al “Programma Garanzia Giovani” (consigliamo di rivolgervi al CIP a voi più vicino). L’assunzione può avvenire sia a tempo determinato (per una durata almeno di sei mesi) che a tempo indeterminato (inclusi i rapporti di apprendistato).

Nuovi incentivi per il sud

Contestualmente alla circolare esaminata sopra, l’INPS ha pubblicato anche la n.41/2017, con la quale vengono destinate alle regioni meno sviluppate e in transizione fondi per l’assunzione di disoccupati. Le regioni che otterranno il bonus sono:

  • Basilicata;
  • Calabria;
  • Campania;
  • Puglia;
  • Sicilia;
  • Abruzzo;
  • Molise;
  • Sardegna.

Rientreranno all’interno del piano tutte le assunzioni fra l’1 gennaio e il 31 dicembre 2017, fino al raggiungimento del massimale fissato a 530 milioni di euro.

Si potrà fruire delle agevolazioni autorizzate da aprile 2017.


CONDIVIDI
Articolo precedenteModello 730: nel 2017 riconosciute le unioni civili. Leggi il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate
Articolo successivoConcorso scuola 2016: pubblicati i risultati degli esami

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here