Dichiarazione Iva 2017

Dichiarazione Iva e Agenzia delle Entrate. Una nuova circolare chiarisce l’ambito di applicazione dei nuovi adempimenti per la trasmissione telematica delle fatture, emesse e ricevute.

Dichiarazione Iva 2017: gli adempimenti telematici

Si fa riferimento alla trasmissione telematica introdotta per l’anno 2017, cui è possibile aderire esercitando un’opzione, qualora non si rientri tra i soggetti passivi IVA obbligati a ricorrere ad intermediari abilitati.

In particolare, l’opzione per la trasmissione telematica deve essere esercitata entro il 31 dicembre dell’anno precedente a quello di inizio della trasmissione dei dati. Una volta esercitata, sarà efficace per l’anno solare in cui ha inizio la trasmissione dei dati e per i quattro anni solari successivi. Al termine di tale periodo, se non revocata, l’opzione si estende di quinquennio in quinquennio.

Per il 2017 può essere esercitata fino al 31 marzo.

Sei interessato alla materia fiscale? Scarica qui il nostro ebook!

Iva e Trasmissione Telematica: documento riepilogativo incluso

Non sono esclusi dalla comunicazione telematica nemmeno i documenti riepilogativi.

Questi ultimi consistono nella registrazione delle fatture attive e/o passive di importo inferiore ai 300 euro. E poiché l’onere di trasmissione riguarda tutte le fatture emesse o ricevute, anche queste ultime devono essere inviate singolarmente, indipendentemente, cioè, dalla modalità di registrazione complessiva tramite il c.d. documento riepilogativo.

Modello Iva 2017 Agenzia Entrate: quali sono le modalità di presentazione?

Scarica qui il Modello Dichiarazione Iva ed il Modello Dichiarazione Iva Base

Si ricorda che la dichiarazione può essere presentata dal contribuente in via telematica

  • direttamente, utilizzando i servizi telematici Entratel o Fisconline;
  • tramite un intermediario abilitato, che si impegna a trasmettere le dichiarazioni da lui redatte, nonché quelle predisposte dal contribuente rappresentato;
  • tramite altri soggetti incaricati (per le Amministrazioni);
  • tramite società appartenenti al gruppo.

Si considereranno non conformi al modello approvato e suscettibili di sanzioni le dichiarazioni Iva presentate tramite un ufficio postale.

DECRETO FISCALE 2017

DECRETO FISCALE 2017

Giuseppe Debenedetto - Vincenzo Giannotti, 2016, Maggioli Editore

Il 24 novembre 2016 è stato definitivamente convertito, con modificazioni, il Decreto-Legge n. 193 del 22/10/2016 recante “Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili” (cd. Decreto fiscale 2017). Il provvedimento introduce...




CONDIVIDI
Articolo precedenteCodice appalti presentato al Governo: qui il testo del decreto correttivo
Articolo successivoApe Social, Ape aziendale, Ape volontaria: ecco chi sono i nuovi beneficiari

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here