Voluntary disclosure 2017

Martedì 7 febbraio è ufficialmente partita la nuova voluntary disclosure 2017 dell’Agenzia delle Entrate. Per la seconda volta, i contribuenti che detengono capitali non dichiarati, all’estero ma anche in Italia, di regolarizzare la loro posizione usufruendo di  uno sconto sulle sanzioni: questo, appunto tramite la Voluntary “Bis”. La misura riguarda tutte le violazioni commesse fino al 30 settembre 2016.

Come si può presentare domanda e di quali vantaggi si può usufruire? Scopriamolo insieme.

Voluntary disclosure bis: come si compila il nuovo modello?

Il progetto dell’Agenzia delle Entrate è uno strumento per la lotta all’evasione fiscale che permette ai contribuenti che sono in possesso di redditi sommersi di regolarizzare la propria posizione contributiva, autodenunciandosi allo Stato.

In particolare, i contribuenti che aderiranno al progetto, collaborando col Fisco, saranno sì costretti a pagare le tasse, ma potranno usufruire di uno sconto sulle sanzioni e sulla mora, nonchè di un condono penale sui reati connessi (esclusi quelli più gravi, come il riciclaggio).

VOLUNTARY DISCLOSURE E AUTORICICLAGGIO

VOLUNTARY DISCLOSURE E AUTORICICLAGGIO

Barbara Weisz, 2015, Maggioli Editore

Tra la fine del 2014 e l'inizio 2015 sono tre i passaggi fondamentali avvenuti relativamente al rientro dei capitali non dichiarati in Italia: 1. Voluntary Disclosure 2. Trattato Italia Svizzera sulla trasparenza fiscale 3. Sganciamento del franco svizzero dall'euro. La Legge sulla Voluntary...



Voluntary bis, istanza di adesione: come si invia?

Le domande per la Voluntary bis 2017 possono essere inviate a partire dal 7 febbraio utilizzando il modello pubblicato sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate. Fino a qualche giorno fa, infatti, l’ente di riscossione non aveva ancora provveduto a istituire il canale riservato a tale progetto, né le modalità di adesione.

Vuoi aderire alla Voluntary Disclosure?

Scarica qui il Modello di domanda e le Istruzioni di compilazione

La domanda va presentata solamente per via telematica: personalmente, se si è abilitati ai servizi Entratel o Fisconline; tramite l’ausilio di intermediari abilitati, in caso contrario. Scadenza ultima entro cui presentare le domande è il 31 luglio 2017. Come già anticipato, sono suscettibili di regolarizzazione solo le somme non dichiarate entro il 30 settembre 2016.

Modalità di pagamento: unica soluzione o rate mensili?

I contribuenti aderenti potranno scegliere se pagare il debito in un’unica soluzione, entro il 30 settembre 2017, o in tre rate mensili.

Coloro che restituiranno meno di quanto dovuto subiranno una maggiorazione sul debito del 10% o del 30% a seconda dell’entità dell’importo non restituito (e il 3% nei casi meno gravi).

Guida alla voluntary disclosure

Guida alla voluntary disclosure

Nicola Fasano - Roberto Zingari, 2015, Maggioli Editore

Dal 1° gennaio 2015 i contribuenti che detengono illecitamente capitali, attività finanziarie e patrimoni all’estero possono, autodenunciando spontaneamente alle autorità fiscali le violazioni commesse, godere in alcuni casi di considerevoli riduzioni e sconti sulle...



Voluntary disclosure 2017: quali sono i contribuenti esclusi?

Sono esclusi dalla voluntary disclosure i debitori che hanno già ricevuto avvisi di accertamento e notifiche dal Fisco relative ai conti illegali, o per i quali sia in corso un processo tributario per quelle somme. Inoltre, non potranno aderire alla procedura i contribuenti che hanno già beneficiato della stessa nel corso del 2015 o del 2016.

Coloro che avessero già presentato domanda di voluntary disclosure 2017 avvalendosi del modello precedente, e quindi non di quello ora disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate, sono tenuti a compilare il nuovo modello esclusivamente al fine di specificare il precedente invio della documentazione per la domanda.

Come difendersi dalle cartelle esattoriali

Come difendersi dalle cartelle esattoriali

Nunzio Santi Di Paola, Francesca Tambasco, 2016, Maggioli Editore

L’opera, con il pratico FORMULARIO (su Cd-Rom) e le TAVOLE SINOTTICHE, è un prezioso strumento di lavoro per magistrati ordinari e tributari, avvocati, dottori commercialisti e altri professionisti abilitati alla difesa davanti alle Commissioni tributarie provinciali e regionali,...




CONDIVIDI
Articolo precedenteBando Servizio Civile 2017 e Garanzia Giovani: scadenza, oggi ultimo giorno
Articolo successivoSuper Ammortamento 2017 e Iper Ammortamento: ecco la guida completa

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here