nuovo bonus bebe 2017

Nuova agevolazione a favore delle famiglie: per incentivare l’occupazione femminile, nonché le iscrizioni agli asili nido, è al vaglio delle commissioni parlamentari il c.d. Decreto Zero-Sei, come gli anni dei bambini su cui inciderà. Tra i benefici promossi, primo fra tutti è il nuovo buono nido.

Sei interessato alla materia fiscale? Scarica qui il nostro ebook!

Bonus Bebè 2017: come funziona?

Lo Stato introduce la possibilità a che imprese pubbliche e private eroghino, a favore dei propri dipendenti, assegni del valore di 150 euro mensili, senza alcun tipo di tassazione. Fermo restando che, qualora l’impresa scelga volontariamente di erogare un contributo monetario maggiore, la differenza con la soglia dei 150 euro sarà invece tassata.

In quali asili posso iscrivere mio figlio?

Questo per contribuire alle ingenti spese dovute alle rette degli asili nido. Il nuovo voucher nido potrà essere speso dai genitori-lavoratori nei nidi accreditati o a gestione comunale. retta dell’asilo.

Ulteriore progetto incluso nel Decreto Zero-Sei, è quello relativo alle tariffe agevolate per la frequenza non solo degli asili nido, ma anche delle scuole materne. Infatti, il Parlamento è chiamato ad autorizzare gli enti locali a concedere prezzi agevolati sulla base dell’Isee del nucleo famigliare. Non si esclude, poi, la possibilità di esenzione totale per i casi di particolare disagio economico-sociale.

Bonus Bebè 2017: è compatibile con quelli previsti dalla legge di Stabilità?

Ricordiamo che nella Legge di Stabilità 2017 approvata lo scorso mese, figurano già alcune agevolazioni fiscali a favore delle famiglie.

In particolare, lo Stato si è dichiarato pronto a finanziare un Buono Nido del valore massimo di mille euro annui per i primi tre anni di un bambino: in questo caso, verrebbero erogati mensilmente circa 91 euro, per 11 mesi all’anno.

Tuttavia, la regolamentazione del voucher nido statale è stata rimessa ad un decreto attuativo non ancora in programma. Non è ancora possibile quindi sapere se il Buono Nido 2017 sia cumulabile con quello ad oggetto del Decreto Zero-Sei.

Bonus Mamma Domani 2017: chi ne ha diritto?

Inoltre, con la Legge di Stabilità 2017, è stata inserita anche un’ulteriore misura di sostegno alla natalità, per cui sono stati stanziati già 600 milioni di euro. Si tratta del c.d. Bonus Mamma Domani 2017, che consiste nella possibilità di ricevere un importo pari a 800 euro che hanno tutte le donne che siano giunte almeno al settimo mese di gravidanza, e che partoriranno nel 2017.

La somma è erogata in un’unica soluzione, ed una sola volta per gravidanza. Il bonus potrà essere richiesto entro e non oltre il compimento del settimo mese di vita del neonato.

Si attende comunque un decreto attuativo, che stabilisca anche se ed entro quali limiti l’Isee incida sul diritto al bonus mamma domani

Legge di Stabilità 2017: quali sono le altre agevolazioni?

La cosa certa è la non cumulabilità dell’assegno di mille euro annui con le altre misure di sostegno previste dalla Legge di Stabilità 2017 quali: voucher baby-sitter e voucher asilo nido.

Questi infatti sono benefici utilizzabili al posto del congedo parentale, cui la madre lavoratrice può rinunciare. L’ammontare del contributo sarebbe di 600 euro mensili, riconosciuti al massimo per 6 mesi per le lavoratrici dipendenti a tempo pieno.

Diversamente dal buono previsto dal Decreto Zero-Sei, i contributi in questione sono erogati direttamente dall’Inps a favore della struttura prescelta, o liquidati in voucher al genitore che si avvale di baby-sitter.


CONDIVIDI
Articolo precedenteResponsabilità civile connessa alla circolazione di veicoli su strada
Articolo successivoLegge 104 Permessi Novità: come e quando utilizzare i permessi dopo la Cassazione

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here