bonus elettrico 2017

Il cosiddetto bonus elettrico è previsto sia per le famiglie economicamente svantaggiate, sia per chi soffre di disagio fisico, cioè per coloro che sono affetti da malattie gravi e per la sopravvivenza necessitano di specifiche apparecchiature elettromedicali.

Vediamo nel dettaglio in cosa consiste il bonus!

Bonus elettrico 2017: quali requisiti avere

Tutti i soggetti affetti da grave malattia o i nuclei familiari presso i quali vive un soggetto affetto da grave malattia, hanno diritto al bonus elettrico perché questi sono costretti ad utilizzare particolari apparecchiature elettroniche per sopravvivere.


Di seguito una lista di apparecchi elettromedicali grazie ai quali i soggetti malati possono restare in vita:

  • apparecchiature per pressione positiva continua
  • ventilatori polmonari
  • polmoni d’acciaio
  • tende per ossigeno terapia
  • concentratori di ossigeno fissi
  • concentratori di ossigeno portatili
  • aspiratori
  • monitor multiparametrici
  • pulsossimetri
  • apparecchiature per la dialisi peritoneale
  • apparecchiature per emodialisi
  • nutripompe
  • pompe d’infusione
  • pompe a siringa
  • carrozzine elettriche
  • sollevatori mobili
  • sollevatori mobili a sedili elettrici
  • sollevatori mobili a barella elettrici
  • sollevatori fissi a soffitto
  • sollevatori per vasca da bagno
  • materassi antidecubito.

Bonus elettrico 2017 per disagio fisico: come richiederlo?

Per richiedere il bonus elettrico 2017 per disagio fisico è necessario presentare la relativa domanda al Comune di residenza. La richiesta deve essere fatta dal titolare della fornitura elettrica anche se è diverso dal soggetto malato. Verranno compilati i moduli messi a disposizione dal Comune o da qualsiasi ente designato, come per esempio il CAF.

Inoltre, dovranno essere allegati alla domanda un certificato Asl che attesti la condizione del soggetto in questione e quindi che dichiari che a causa della sua situazione è obbligato ad utilizzare determinate apparecchiature elettromediacali indispensabili per la sopravvivenza. Verranno anche indicati il tipo di apparecchiatura e le ore di utilizzo giornaliero oltre all’indirizzo in cui è istallata. Ovviamente non possono mancare il documento di identità e il codice fiscale del richiedente e del malato.

Dovranno essere fornite anche le informazioni reperibili in bolletta come il codice POD e la potenza impegnata o disponibile della fornitura.  Il codice POD è un codice alfanumerico che identifica il punto fisico in cui l’energia viene consegnata dal fornitore.

Infine, non è necessario presentare l’ISEE per ottenere il bonus perché viene concesso al di là della fascia di reddito del richiedente o della famiglia.

Valore economico del bonus elettrico 2017

Economicamente il bonus elettrico 2017 per disagio fisico ha un valore articolato in 3 livelli che dipendono da:

  • potenza contrattuale,
  • apparecchiature elettromedicali salvavita utilizzate
  • tempo giornaliero di utilizzo (fino a 8 ore, tra 8 e 16 ore, oltre 16 ore al giorno)

In base al certificato dell’Asl viene calcolato il livello da assegnare al soggetto richiedente.

Ti consigliamo il seguente volume:

LA PROTEZIONE PATRIMONIALE DEI SOGGETTI DISABILI

LA PROTEZIONE PATRIMONIALE DEI SOGGETTI DISABILI

Giammatteo Rizzonelli - Piero Bertolaso Brisotto, 2017, Maggioli Editore

Con il decreto attuativo interministeriale, firmato il 23 novembre 2016, è divenuta operativa la Legge 22 giugno 2016, n. 112 – nota come legge sul “Dopo di noi” – volta a favorire il benessere, la piena inclusione sociale e l’autonomia dei soggetti con...




CONDIVIDI
Articolo precedenteMulte per eccesso di velocità: limiti e relativa segnaletica di controllo
Articolo successivoSette cose da fare prima dei propositi di inizio d’anno

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here