voluntary disclosure

È finalmente pronto il nuovo modello definitivo 2017 per aderire alla voluntary disclosure bis.

L’avvio della seconda tranche del progetto di collaborazione tra Fisco e contribuenti è contenuto nel decreto fiscale (Dl n. 193/2016) collegato alla Legge di Stabilità 2017. In particolare, è possibile dichiarare capitale sommerso esistente al 30 settembre 2016, senza dovervi pagare le sanzioni, gli interessi di mora e soprattutto senza incorrere nella responsabilità penale connessa agli illeciti fiscali (sempre che non gravi).

Voluntary Disclosure Bis: dove trovare il nuovo modello?

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate (www.agenziaentrate.it) è possibile reperire sia il nuovo modello di adesione, sia le istruzioni relative alla sua compilazione. In particolare, nella sezione Strumenti > Modelli> Modelli per domande/istanze > Adesione al regime di collaborazione volontaria.

Voluntary Disclosure Bis: come invio il nuovo modello?


Una volta pronto il modello definitivo, dobbiamo solo attendere l’apertura del canale telematico dedicato: la data da cui sarà disponibile verrà comunicata dall’Agenzia delle Entrate mediante pubblicazione sul sito web. Si prevede che i canali utilizzati saranno Entratel o Fisconline, attraverso il software “Richiesta di accesso alla procedura di collaborazione volontaria”.

Voluntary Disclosure Bis: si può ancora aderire con il vecchio modello?

Durante il periodo in cui il canale dedicato non sarà disponibile, tutti i contribuenti che desiderano aderire alla voluntary bis potranno farlo utilizzando il vecchio modello ufficiale (provvedimento Agenzia Entrate del 30/01/2015). Secondo quanto dichiarato dalla stessa Agenzia, le modalità di trasmissione del vecchio modello rimangono quelle previste dal provvedimento di riferimento. Saranno indispensabili quindi le credenziali Entratel o Fisconline, si utilizzerà il software ufficiale dell’Agenzia, si dovrà conservare copia cartacea.

Leggi anche: Voluntary disclosure, il modello di domanda e le istruzioni per aderire già da ora

Importante: le informazioni non inseribili all’interno del vecchio format, potranno essere comunicate con una relazione di accompagnamento inviabile via PEC .

Le domande potranno essere inviate fino al 31 luglio 2017. Si ricorda che i pagamenti delle somme dovute devono perfezionarsi entro il 30 settembre 2017, se ci si avvale di ununica rata; se si dilaziona il pagamento in tre rate di pari importo, invece, solo la prima dovrà essere saldata entro il medesimo

Scopri qui tutti gli altri volumi sulla Voluntary Disclosure 2017

Guida alla voluntary disclosure

Guida alla voluntary disclosure

Nicola Fasano - Roberto Zingari, 2015, Maggioli Editore

Dal 1° gennaio 2015 i contribuenti che detengono illecitamente capitali, attività finanziarie e patrimoni all’estero possono, autodenunciando spontaneamente alle autorità fiscali le violazioni commesse, godere in alcuni casi di considerevoli riduzioni e sconti sulle...



VOLUNTARY DISCLOSURE E AUTORICICLAGGIO

VOLUNTARY DISCLOSURE E AUTORICICLAGGIO

Barbara Weisz, 2015, Maggioli Editore

Tra la fine del 2014 e l'inizio 2015 sono tre i passaggi fondamentali avvenuti relativamente al rientro dei capitali non dichiarati in Italia: 1. Voluntary Disclosure 2. Trattato Italia Svizzera sulla trasparenza fiscale 3. Sganciamento del franco svizzero dall'euro. La Legge sulla Voluntary...



 

 

 

 

 

 


CONDIVIDI
Articolo precedentePensioni: come difendersi dal pignoramento? Calcoli ed esempi
Articolo successivoIsee 2017, come compilare la dichiarazione online

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here