gravose

A seguito delle novità introdotte dall’approvazione della Legge di Stabilità 2017 in materia di pensioni, ciascun lavoratore prossimo alla pensione si chiede in quale delle categorie disciplinate potrebbe rientrare. Preliminare è la differenza da operare tra le mansioni etichettate come “usuranti” e quelle denominate invece “gravose”. Queste, infatti, non risultano in nessun modo interscambiabili.

Per approfondire, guarda anche lo speciale: RIFORMA PENSIONI

Vediamo nel dettaglio le divergenze, in termini di trattamento pensionistico, previste per le due categorie.

La categoria dei lavori usuranti


Si definiscono usurantii lavori esplicitamente riconosciuti dal D.Lgs. n. 67/2011. Rientrano in questa categoria:

  • i lavoratori addetti alla linea di catena;
  • i lavoratori che operano in galleria, cava o miniera;
  • i lavoratori che operano ad alte temperature, in spazi ristretti o in cassoni ad aria compressa;
  • chi svolge attività di esportazione dell’amianto o lavorazione del vetro cavo;
  • i palombari;
  • i conducenti di veicoli di capienza non inferiore a 9 posti;
  • i lavoratori notturni con almeno 64 notti lavorate all’anno.

Quale pensione anticipata sono per i lavori usuranti?

Stando alla Legge di Stabilità 2017 questi lavoratori andranno in pensione anticipatamente con il sistema delle quote (“quota 97“): a 61 e 7 mesi di età se hanno 36 anni di contributi e 62 anni e 7 mesi se hanno 35 anni di contribuzione.

Per la prima classe di lavoratori cui si è appena fatto riferimento, è bene sottolineare che non è sufficiente che la mansione svolta sia definibile come “usurante”; bensì, è richiesto che la stessa sia stata svolta per almeno 7 degli ultimi 10 anni di lavoro prima della pensione.

Potrebbe interessarti anche: Pensioni e Legge di Stabilità 2017, chi sono i nuovi beneficiari

La categoria dei lavori “gravosi”

I lavori gravosi rappresentano una categoria del tutto nuova, aggiunta dalla Legge di Stabilità 2017. Si tratta di “attività lavorative per le quali è richiesto un impegno tale da rendere particolarmente difficoltoso e rischioso il loro svolgimento in modo continuativo”. Svolgono attività di questo tipo:

  • gli operai dell’industria estrattiva e dell’edilizia;
  • i conduttori di gru o di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni;
  • i conduttori di mezzi pesanti e di convogli ferroviari;
  • i conciatori di pelle e di pellicce;
  • gli infermieri e le ostetriche con lavoro organizzato in turni;
  • gli addetti all’assistenza di persone non autosufficienti;
  • gli insegnanti della scuola di infanzia e degli asili nido;
  • i facchini e il personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia;
  • gli operatori ecologici.

Quale pensione anticipata per i lavori gravosi?

I lavoratori che svolgono mansioni gravose hanno diritto all’Ape sociale, nella stessa misura in cui lo hanno gli invalidi al 74% e coloro che assistono parenti disabili.

Dal 1° maggio 2017, dunque, compiuto 63° anno di età, i lavoratori che hanno svolto attività gravose potranno andare in pensione anticipata e ricevere un assegno di accompagnamento (erogato dall’Inps per 12 mesi all’anno) fino all’effettivo raggiungimento della pensione di vecchiaia. Pur non dovendo restituire alcuna rata, trattenuta in forma di percentuale sulla pensione (ciò accade con l’Ape volontaria), il pensionato de quo non potrà conseguire un importo superiore ai 1.500 euro lordi al mese.

Per approfondire, leggi lo speciale: LEGGE DI STABILITA’ 2017


CONDIVIDI
Articolo precedenteIMU e TASI 2016: oggi la scadenza per il conguaglio. Cosa fare?
Articolo successivoLegge di Stabilità 2017 e Accise: quali sono le novità?

12 COMMENTI

  1. Salve
    sono un operaio con 38 anni di contributi e 58 anni di età, ho una figlia disabile di 28 anni con legge 104
    e chiedo quando potrò andare in pensione.
    Grazie

  2. mio marito e’ artigiano e lavora in proprio nell’edilizia puo essere considerato come pensionamento per lavoro usurante?

  3. BUONGIORNO SONO UN LAVORATORE CON PIU DI 41 ANNI DI CONTIBUTI HO INIZIATO A LAVORARE A 15 ANNI E 6 MESI FACCIO LA NOTTE FISSA DA QUASI 20 ANNI. CHIEDO, POSSOANDARE IN PENSIONE A MAGGIO RIENTRO NELLA RIFORMA PENSIONI VOTATA IN PARLAMENTO A DICEMBRE. IN ATTESA DI UNA RISPOSTA VI SALUTO E VI RINGRAZIO

  4. buongiorno sono un ferrista di sala operatoria dal 1977 ho un anno di contributi dai 18 ai 19 anni rientro nei parametri per la pensione a 41 anni grazie walter

  5. Se non si prende coscienza che produrre lavoro dopo i 60 anni implica una diminuzione produttiva se paragonata a un giovane,un maggior rischio per la sicurezza,una riduzione partecipativa all’impresa, collegata a evidenti fattori fisici, una minor economia reale in quanto i giovani si pongono obbiettivi d’acquisto che gli anziani non hanno più, la mancanza di ambizioni professionali incentivanti si arriva ad un’unica conclusiva analisi: gli studenti migliori prima di concludere gli studi vengono contattati dalle migliori imprese per degli stage e proposte d’impiego, i rimanenti si danno alla politica e ai centri sociali. Risultato: siamo diretti dai più stupidi.

  6. Buongiorno, lavoro dal 1974 regolarmente sono stati versati tutti i contributi, attualmente da circa sei anni lavoro come operaio in una azienda di trasformazione della plastica riciclata un impianto di lavaggio e scioglimento della plastica con macchinari adeguati il lavoro è molto faticoso sotto tutti gli aspetti sono un operatore di questo impianto produttivo ed inoltre manutentore dello stesso impianto, in base a questo le chiedo attualmente ho più di un anno di lavoro precoce ho 59 anni vorrei sapere se rientro nella quota 41. Grazie distinti saluti Donato Schino

  7. Ciao sono un operatore socio sanitario dal 1981 e ho cominciato a lavorare a 15 anni
    Sono del 59 ho 41 anni di lavoro nel 7/2017 posso andare in pensione grazie

  8. Non saprò mai se il mio lavoro è usurante o gravoso,dopo 42 anni di lavoro iniziando con 11 anni di catena di montaggio alla Fiat e tutto il resto come montatore collaudatore di chiodatrici…..ormai per me solo partire da Ferrara con arrivo Bologna è usurante…SI DOVREBBERO VERGOGNARE TUTTI

  9. Bisogna complimentarsi con i geni che hanno stabilito la tabella dei lavori gravosi , non capisco perchè i giubbotti antiproiettili e la guardia armata agli obbiettivi a rischio attentati non lo diano ai loro portaborse e commessi del quirinale strapagati ??? VOGLIO PROPRIO VEDERE SE ANCHE GENTILONI SARA’ UN RIFORMISTA ALL’INCONTRARIO … continuando la linea precedente confermando così di rappresentare un governo di comodo

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here