pensione anticipata costi

SPECIALE PENSIONI: scopri qui l’eBook di 82 pagine in formato PDF con 1 anno di aggiornamenti inclusi inviati direttamente tramite email!

La Riforma pensioni prevista dalla Legge di Stabilità 2017 (clicca qui per tutti gli approfondimenti su Legge di Stabilità) con il meccanismo dell’anticipo pensionistico – Ape consentirà a dipendenti ed autonomi di andare in pensione a 63 anni.

La misura, secondo le stime del Governo, in media inciderà del 4,6 o 4,7% sull’importo della pensione per ogni anno richiesto. A tanto ammonteranno le rate da versare alle banche in 20 anni allo scopo di rendere quanto anticipato.


Di seguito si riportano, punto per punto, tutti i costi (in media) dell’Ape volontaria, in attesa dell’approvazione al Senato, che avverrà a breve, della Legge di Bilancio.

Pensione anticipata 2017: come funziona l’Ape?

Per essere aggiornato sulle ultime novità si consiglia SPECIALE PENSIONE ANTICIPATA

Dal 2017, il nuovo anticipo pensionistico (Ape) consentirà a dipendenti ed autonomi di lasciare anticipatamente il lavoro a 63 anni (ossia fino a 3 anni e 7 mesi prima) grazie ad un vero e proprio prestito (da banche o istituti di credito) dell’importo pensionistico per il periodo mancante al raggiungimento della pensione di vecchiaia; il tutto tramite intercessione dell’INPS.

Quindi, l’importo anticipato dovrà essere restituito a rate una volta raggiunta l’età pensionabile (di norma 66 anni e 7 mesi).

Pensione anticipata con l’Ape: quante rate si devono pagare

Le rate dovranno essere restituite nell’arco di 20 anni sotto forma di trattenute mensili sull’assegno pensionistico erogato dall’INPS. Una volta terminato il periodo ventennale la pensione tornerà completa.

Quanto costa ogni anno l’Ape?

Come stimato dal Governo le rate da pagare per l’assegnazione dell’Ape saranno in media pari al 4,6 o 4,7% dell’importo netto della pensione per ciascun anno di anticipo richiesto.

Ovviamente, la cifra precisa viene a dipendere non soltanto dagli anni di anticipo, ma anche dalla percentuale dell’assegno pensionistico che si vuole farsi anticipare. La percentuale media del 4,6 o 4,7%, inoltre, viene calcolata sulla media dei 20 anni.

In realtà, va detto che le rate sono più care in percentuale nei primi anni (5,4%) e meno negli ultimi (scende al 4% il 20esimo anno).

Anticipo pensionistico: quanto ci costa? Esempi di calcolo

Un esempio per comprendere meglio il costo effettivo dell’Ape è stato fornito dall’Esecutivo. Nel merito si ipotizza una richiesta di anticipo dell’85% dell’assegno pensionistico per 3 anni e un tasso di interesse annuo pari al 2,5%: in tal caso, un lavoratore che ha maturato una pensione lorda di 1.000 euro (circa 865 euro netti) si vedrebbe detrarre dall’importo 140 euro al mese.

L’Anticipo pensionistico richiesto, quindi, sarebbe di 736 euro (l’85% della pensione netta). Questo importo, poi, determina una rata di 173 euro; tuttavia da quest’ultima somma va tolta la detrazione fiscale del 50% di quota interessi e premio, ossia 33 euro nel caso di specie.

Quindi, ciò che si dovrebbe pagare ammonterebbe a 140 euro, mentre la pensione netta a 725 euro. Come detto, questo viene a determinare un’incidenza media della rata sulla pensione netta pari al 4,6% per ogni anno di anticipo chiesto.

Pensione più alta: quanto si paga?

Per coloro che percepiscono una pensione più elevata il costo in percentuale delle rate dell’Ape è leggermente più alto. In tal senso, il Governo fornisce un altro esempio, stando sempre alle condizioni ipotizzate sopra: ossia richiesta di anticipo dell’85% dell’assegno pensionistico per 3 anni e tasso di interesse annuo pari al 2,5%.

In tal caso, un lavoratore che ha maturato una pensione lorda di 1.615 euro (1.286 euro netti) verrebbe a pagare 209 euro al mese, vale a dire 258 euro di rata meno 49 euro di detrazioni. Questo equivale ad una trattenuta media sull’assegno pensionistico pari al 4,7% per ogni anno di anticipo richiesto.


CONDIVIDI
Articolo precedenteReferendum costituzionale: a due giorni dal voto ecco cosa cambierebbe con il Sì
Articolo successivoConcorso Polizia: anticipazioni su uscita bando e prove d’esame

6 COMMENTI

  1. 63 anni ex commerciante fino 2009 con 23 anni di contributo nato a ottobre 1953, ora sono senza lavoro – avrà il requisiti per chiedere il APE volontaria.

  2. salve sono un dipendente comunale con 34 anni di servizio a Marzo 2017 avro 65 anni ho l’invalidata civile al 85 per cento da 14 anni e una causa di servizio con la 6 tabella A legalmente riconosciuta quando potro andare in pensione

  3. salve, ho 63 anni 11 mesi,sono disoccupato volontario da 3 anni ,non ho mai avuto ammortizzatori sociali,non ho nessun reddito,ho diritto all’ape social? grazie

  4. salve sono un dipendente comunale io a oggi o maturato 37anni e 4 mesi poi o lavorato dall,eta di15 anni in francia per un periodo di anni 3 e mesi 6 nel 2017 posso andare in pensione come lavoratore precoce

  5. Precoci quota 40, sessantenni, mobilitati in deroga per quanto riguarda l’8°salvaguardia,pare che tutte queste categorie di ex lavoratori disoccupati involontari siano stati dimenticati da tutti!!! visto che non rientrano in nessuna opzione di questa riforma pensionistica. ALLORA DICO: GOVERNANTI-POLITICI-SINDACATI ,SIETE TUTTI UNA MASSA DI BUFFONI E CIARLATANI!!!(CHE DIO VI MALEDICA!!!)

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here