cumulo gratuito dei contribuiti

Nella sezione riguardante la Riforma Pensioni della Legge di Stabilità 2017 è previsto il cumulo gratuito dei contributi che possono utilizzare solo alcune categorie di lavoratori dai quali sono esclusi i professionisti iscritti agli ordini e chi percepisce già una pensione.

Per saperne di più vai allo speciale RIFORMA PENSIONI: COSA CAMBIA

Vediamo nel dettaglio i lavoratori che non possono accedere al nuovo cumulo contributi previsto dalla Riforma Pensioni.

Sei interessato alla materia fiscale? Scarica qui il nostro ebook!

Cumulo gratuito dei contributi: quali lavoratori possono accedere?

Il nuovo cumulo è aperto a tutte le gestioni INPS e ai lavoratori autonomi, sono esclusi tutte le categorie che hanno una cassa previdenziale privata, nello specifico:

  • avvocati, notai,
  • architetti,
  • commercialisti,
  • consulenti del lavoro, psicologi,
  • giornalisti,
  • agenti e rappresentanti di commercio,
  • dipendenti dell’agricoltura, attuari,
  • chimici,
  • agronomi e forestali, geologi,
  • medici, infermieri, odontoiatri, biologi, veterinari,
  • periti industriali, geometri, ragionieri.

Mentre, i lavoratori che hanno la possibilità di utilizzare il cumulo sono quelli iscritti:

  • all’INPS,
  • alla gestione separata e alle forme sostitutive dell’Ago,
  • Inpdai, o Enpals (o altre forme di assicurazione generale obbligatoria).

Cumulo gratuito dei contributi e chi percepisce già la pensione

La Legge di Stabilità prevede altri limiti per chi desidera percepire il cumulo, come per esempio non può usufruire del suddetto chi gode già di una pensione. Ma è importante ricordare che decade un vecchio “blocco” rivolto a chi riceve una pensione di vecchiaia.

Infatti, la nuova Riforma Pensioni dà la possibilità – a determinate condizioni – di passare dalla ricongiunzione dei contributi alla nuova possibilità di cumulo, per chi matura la pensione di anzianità, quindi per gli uomini che hanno raggiunto 42 anni e 10 mesi, (41 anni e 10 mesi per e le donne)


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Corte Costituzionale dice sì al cognome della madre ai figli
Articolo successivoGomme invernali: da oggi scatta l’obbligo. Cosa sapere

1 COOMENTO

  1. Sono del 1958,ho lavorato 5 anni in Francia,più 33 anni in Italia,guardò mia mamma che ha il 100per 100 di invalidità (legge 104)ha quanti anni posso andare in pensione?Attendo risposta Grazie…

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here