Affido-figli

In una coppia separata, se uno dei genitori si è dimostrato assente o poco attento, il figlio può essere affidato esclusivamente a uno dei due, questo è stato ribadito dal Tribunale di Napoli nella sentenza numero 594/2016, che penalizza e condanna il genitore che non si interessa della vita della prole.

Quando l’affidamento è esclusivo o si estende ad entrambi i genitori

Nel 2006, l’ordinamento italiano in caso di separazione di una coppia prevede un affidamento stabile dei figli a entrambi i genitori, tranne se si verificano situazioni gravi che lo impediscono. Quindi l’esercizio della responsabilità genitoriale dovrebbe essere esercitata di comune accordo, ovviamente il tutto finalizzato alla serenità durante la crescita del figlio.

In caso di situazioni gravi, quindi se uno dei due genitori non è in grado di provvedere al benessere e alla serenità del figlio, la norma prevede che il giudice dispone l’affido ad uno solo. Si verifica ciò quando il genitore non risulta idoneo agli obblighi di presenza e assistenza di base.

L’affido non è previsto per il genitore irreperibile

Il genitore che non si interessa del figlio, non si rende reperibile, non lo segue nella crescita quotidiana non può pretendere l’affidamento del minore, il quale potrà decidere se riprendere la relazione con questo una volta raggiunta la maggiore età.

La cura giornaliera del figlio e le decisioni in merito a tutte le scelte quotidiane saranno di responsabilità del genitore affidatario.

Il genitore non affidatario deve pagare i danni

Da una sentenza del Tribunale di Cassino si è stabilito che il genitore che non ha rapporti con il figlio e quindi risponde di abbandono è comunque ritenuto ad un risarcimento anche economico.

Anche perché l’assenza del genitore dalla vita del minore può determinare una ferita che potrebbe provocare delle problematiche per la crescita del figlio e questo va contro i diritto riconosciuti al figlio “nella carta costituzionale e nelle norme di natura internazionale”.

Il diritto alla visita è previsto?

Ma il genitore a cui non è stato affidato il figlio gli sono concesse le visite? La Corte Europea dei diritti dell’uomo ha stabilito che non si possono negare le visite al genitore, tranne in casi di sicurezza nazionale o protezione della salute.

Infatti, ogni persona ha diritto “ha diritto al rispetto della propria vita privata e familiare“, anche in caso di separazione.


CONDIVIDI
Articolo precedenteGli elettori di Donald Trump non sono né poveri, né ignoranti
Articolo successivoI renziani sono come i grillini

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here