stipendio

Tra le novità della Legge di Stabilità 2017 c’è la riforma delle pensioni, in particolare le pensioni a favore dei lavoratori precoci, i quali, dal 1° gennaio 2017, avranno  la possibilità di accedere alla pensione anticipata con 41 anni di contributi, grazie alla Quota 41.

Altre novità sulla RIFORMA PENSIONE

Riforma pensioni: anticipo con quota 41

I punti cardine nel testo della riforma pensioni sono: Ape e Ape SocialQuota 41 e Quota 96cumulo gratuito. Oltre ai criteri di pensione anticipata, la manovra finanziaria 2017 è attenta ad agevolare i lavoratori precoci con l’introduzione della Quota 41, che sarà disponibile per determinate categorie di lavoratori come gli addetti ai lavori usuranti.


Si definisce lavoratore precoce chi ha lavorato prima dei 19 anni di età per almeno 12 mesi in modo effettivo.

Cosa cambia con la legge di Stabilità per le pensioni precoci?

Con la legge di Stabilità 2017 è stata confermata la Quota 41 e il provvedimento riguarda alcune categorie particolari come gli addetti ai lavori usuranti.

La Quota 41 permette ai lavoratori precoci di anticipare i tempi attualmente previsti con la legge Fornero, cioè 42 anni di età e 10 mesi di contributi per gli uomini, mentre 41 anni per le donne. Nello specifico lo “sconto” della Quota 41 è pari a 10 mesi per le donne e di un anno e 10 mesi per gli uomini.

Quota 41: a quali categorie si estende?

Nella nuova manovra finanziaria 2017 le categorie dei lavoratori precoci, che possono beneficiare della Quota 41, devono essere ancora confermate, però alcune sembrano certe:

  • lavoratori che assistono il coniuge o un parete di primo grado convivente con handicap;
  • lavoratori con invalidità civile superiore o uguale al 74%;
  • lavoratori che svolgono da almeno 6 anni continuativi attività lavorative usurati o gravose;
  • lavoratori disoccupati a seguito di cessazione del rapporto di lavoro per licenziamento per giusta causa o risoluzione consensuale, che abbiamo concluso da almeno 3 mesi la prestazione per disoccupazione

Le attività lavorative prese in considerazione dalla Quota 41 saranno definite con un decreto del Governo entro 60 giorni dalla data in vigore della legge di stabilità. Per gli addetti ai lavori usuranti, grazie all’abolizione della finestra mobile, l‘anticipo della pensione sarebbe di 12 o 18 mesi.


CONDIVIDI
Articolo precedenteAgevolazioni mutui prima casa con il Fondo di garanzia dello Stato
Articolo successivoQuando può l’amministratore escludere il condòmino moroso dai servizi comuni?

26 COMMENTI

  1. Volevo chiedere se è possibile sapere con 57 anni e 41 anni di contributi si può andare in pensione? Lavoro dal 1976 assicurato da agosto 1976.Grazie aspetto risposta 👍

  2. Volevo chiedere se l assistenza fatta a mia moglie nel 2003 per una malattia grave , avendo preso una aspettativa speciale , assistenza per handicap, era valida per aver i requisiti per poter andare in pensione con 41 anni di servizio .
    Grazie .Distinti saluti

  3. Sono un’insegnante della scuola dell’infanzia sono nata nel 1953 il 26 luglio,per andare in pensione il 1 settembre 2018 mi mancano 2 mesi per il raggiungimento dell’età anagrafica e 3 mesi per il raggiungimento dei requisiti. Posso riscattare i 3 mesi mancanti?Grazie e cordiali saluti.Lucia

  4. Sono un in mobilita e o 59 anni e 41 di versamenti e sono precoce e o fatto lavori usuranti posso andare in pensione

  5. buongiorno volevo delle informazioni se era possibile ,.allo stato attuale ho 40 anni e 3 mesi di contributi ho l eta di anni 58 in disoccupazione da quasi 2 anni con scadenza a maggio ,mi domandavo che cosa bisogna fare per avere il pre pensionamento come lavoratore precoce e che requisiti .preciso che al compimento dei 19 anni di eta avevo piu di un anno di contributi
    spero in una delucidazione vi ringrazio anticipatamente

  6. Salve! Io sono nata a Novembre 1960 e ho iniziato a lavorare a Gennaio del 1977. Attualmente ho versato i contributi per 39 anni e tre mesi perché sono stata disoccupata, per 10 mesi. A che età dovrei andare in pensione?

  7. Buongiorno,
    al 31 dicembre 2016 ho 1965 settimane di contributi , sono disoccupata dal 1 gennaio 2017 , ho invalidita’ civile del 75% dal 25 giugno del 2011, secondo la legge di stabilita’ , potrei andare con i 41 anni di contributi ? saranno conteggiati 11 mesi di invalidita’ ? andro’ in pensione nel 2019 o nel 2020 , pagando comunque alla fine della disoccupazione i contributi volontari ?
    Ho bisogno di una risposta , non riesco a capure piu’ niente, il patronato mi dice nel 2019 ….l’inps nel 2020 …..ad ottobre nuova legge stabilita’……aiuto…………..!!!!!!!!!!!!!!!!quando andro’ in pensione ? oltre tutto la mia malattia avanza imperterrita…..
    GRAZIE…..

  8. Sono nata il 18 marzo 1960 assunta con concorso presso il nido comunale il 1 giugno 1978. Ho un’invalidità al 40%, assisto mio marito con invalidità all’80%. Quando posso andare in pensione?Grazie

  9. Salve, ho 64 anni e 40 abbi di contributi complessivi (di cui 10 anni maturati in Canada e 30 anni in Italia).Ho un familiare disabile grave a carico ed un’invalidita’ personale del 68%.Quando potrò andare in pensione senza penalità? Grazie in anticipo per la risposta.

  10. Ho 59 anni 40 anni di contributi, iniziato a 15 anni a lavorare..gli i ultimi anni sono di carpendera edile..volevo sapere la mia situazione pensionistica grazie.

  11. O iniziato a lavorare a 15 anni come meccanico o 41 anni di contributi volevo sapere se rientro come lavoratore precoce usurante

  12. Salve, sono disoccupata da tre anni e a fine dicembre finisco la mobilità, avendo maturato 39 anni e 9 mesi di contributi, con 55 anni di età , potrò rientrare nella pensione anticipata dei precoci , avendo iniziato a lavorare a 15 anni , pagando volontaria i restanti contributi???

  13. Sono un lavoratore precoci vorrei sapere se riesco a rientrare con la riformalegge di stabilità 2017 con 42 anni di contributi e 62 anni senza penalizzazione ciao F

  14. lavoro come OS in casa di riposo. ho 39 anni di contributi e 57 anni di età, volevo gentilmente saper se rientro nelle categorie usuranti. e se posso andare con i 41 anni senza penalizzazioni

  15. Buon giorno mi chiamo Fabio Costa ho 56 anni e il 18 marzo 2017 faccio 41 anni di contribuzione inps pagati ho iniziato a lavorare a 15 anni sempre assicurato e da ben 11 faccio l’ autista di scuolabus presso un ente pubblico con pat D; penso di rientrare in tutti i requisiti sia ( usuranti che precoci ) vorrei sapere se con quota 41 quando posso andare in pensione senza anticipi APE o penalizzazioni varie. grazie

  16. buon giorno ho 56 anni ho cominciato a lavorare a 12 anni mattina scuola, pomeriggio manovale.
    ma purtroppo il mio datore di lavoro mi ha assicurato a 16 anni comunque ho alle spalle 20 anni di muratore e 20 anni di facchino in una cooperativa (personale in affitto) il mio lavoro consiste preparare ordini a mano senza ausilio del muletto e poi nel carico e scarico dei camion rientro nel lavoro usurante e nella quota dei 41?
    una bella cosa sarebbe 41 anni di contributi per tutti senza limite di età
    cortesemente aspetto vostra risposta grazie

  17. buongiorno sono un dipendente lavoro dal 1982 ho interrotto 2 mesi per cassa integrazione, ho iniziato a lavorare a 16 anni e 1/2 penso di essere lavoratore precoce, vorrei sapere se potrò andare i pensione nel 2022 o 2021.

  18. Diego
    Attualmente ho 2100 settimane di servizio e ho i requisiti di lavoratore precoce , lavoro nel campo imballi x alimentari , ho alle spalle turnazioni a ciclo continuo e tutt’ora 3×5 .
    Accudisco i miei genitori avvalendomi della legge 104 .
    Il papà di 89 anni con invalidità 100% con riconosciuto accompagnamento,
    la mamma di 82 anni Diabetica ( glicemia da terapia insulinica )
    La mia domanda è x rientrare nella categoria (precoci con parenti di primo grado con handicap )
    basta dimostrare la loro residenza a casa mia o devo prendere in considerazione intraprendere la strada di amministratore di sostegno ?
    Grazie

  19. Buona sera sono un marittimo ho inziato ha lavorare a 15 anni e prima dei 19 anoi ho 21 mesi di contributi vorrei sapere per noi marittimi con la nuova riforma pensionistica cosa è cambiato P.S.come si può dire che non siamo lavori usuranti lontano delle famiglie sempre in mezzo al mare il nostro stato di salute e molto precario prendere batoste di mare fino forza 8/9 con quale criterio ci definiscono non lavoratori il governo si deve mettere in testa che esistiamo noi marittimi che siamo usuranti e precoci e gravosi distinti saluti

  20. Buongiorno, io ho lavorato per nove anni in cantiere poi sono entrato in una società pubblica come operaio per altri sedici anni, dopodiché sono diventato impiegato, rientro tra i lavori usuranti?

  21. Sóno un bracciante agricolo precoce vorrei sapere se la nostra categoria rientra nella nuova legge di quota 41 grazie

  22. Buongiorno sono un autista di bus con quasi 42 anni di contributi di cui 29 di guida continuata,mi interessava sapere se rientro nella categoria usuranti e quando potrei andare in pensione.Sicuro di una vostra risposta rngrazio.

  23. volevo sapere se gli operatori che lavorano nelle case di riposo ,fanno parte delle delle categorie privilegiate.Grazie

  24. Per i precoci quota 40 disoccupati di lungo periodo, senza ammortizzatori sociali e senza nessun sostegno economico, con 60 anni d’età e famiglia a carico mi pare di capire che non ci sarà niente . Quindi queste persone saranno lasciati alla miseria?Visto che un lavoro non potranno più trovarlo e non anno la possibilità ad arrivare a quota 41 il governo avrebbe potuto come prevede di fare per i precoci con la sola differenza di mandarli in pensione dopo aver scontato i 15 mesi di finestra mobile come per gli esodati. Questo significa ( UGUAGLIANZA)!!!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here