cartelle esattoriali

Cerchi un commercialista? Confronta subito i preventivi dei nostri migliori esperti. È gratis!

Per i contribuenti che devono saldare il proprio debito col Fisco, grazie alla chiusura di Equitalia e alla conseguente rottamazione delle cartelle esattoriali previste dalla Legge di Stabilità 2017,  si aprono nuove possibilità.

Attenzione, però, perché potrebbe essere conveniente, oltre che usufruire della sanatoria per il 2017, attendere la prescrizione delle cartelle che sono a rischio scadenza.


Di seguito ecco quelli che possono essere i risparmi per i contribuenti.

Per saperne di più si consiglia SPECIALE ROTTAMAZIONE CARTELLE ESATTORIALI: COSA CAMBIA 

Cartelle esattoriali: in arrivo prescrizione e annullamento?

A partire dal 1° luglio 2017 con la chiusura di Equitalia e il passaggio alla nuova Agenzia delle Entrate-Riscossione quasi sicuramente ci saranno ritardi che riguarderanno tutte le attività dell’ente.

In tal senso, infatti, l’iter di riorganizzazione di uffici ed amministrazioni dell’agente della riscossione potrebbe richiedere tempistiche piuttosto lunghe e causare inefficienze o perdite di informazioni che paradossalmente avvantaggerebbero il contribuente debitore.

Questo senza considerare poi che gli attuali dipendenti di Equitalia dovranno sostenere un concorso per far parte della nuova Equientrate: anche in questo caso una procedura che richiederà tempo e allontanerà l’attenzione dalle cartelle non pagate.

Come rottamare le cartelle di Equitalia? Clicca qui per il pacchetto eBook

Prescrizione Cartelle Equitalia: quando conviene aspettare?

In linea di massima, la prescrizione conviene ai contribuenti le cui cartelle Equitalia sono a rischio di scadenza nei prossimi mesi.

Prevedere con esattezza cosà succederà non è facile. L’attesa della prescrizione comporta un rischio; tuttavia, chi ha ricevuto la cartella di pagamento già da qualche anno potrebbe sfruttare gli inevitabili ritardi legati al passaggio ad Agenzia delle Entrate-Riscossione e attendere la prescrizione.

In questa circostanza, se Equitalia non provvederà ad inviare solleciti di pagamento prima del termine di scadenza, il debitore (in teoria) non sarebbe più tenuto a pagare nulla.

Al contrario, se la prescrizione della cartella non avverrà prima di un anno o più, converrà quasi sicuramente aderire alla rottamazione e almeno usufruire dello sconto su sanzioni ed interessi.

Vuoi saperne di più? Si consiglia il seguente volume:

Come difendersi dalle cartelle esattoriali

Come difendersi dalle cartelle esattoriali

Nunzio Santi Di Paola, Francesca Tambasco, 2016, Maggioli Editore

L’opera, con il pratico FORMULARIO (su Cd-Rom) e le TAVOLE SINOTTICHE, è un prezioso strumento di lavoro per magistrati ordinari e tributari, avvocati, dottori commercialisti e altri professionisti abilitati alla difesa davanti alle Commissioni tributarie provinciali e regionali,...



Prescrizione Cartelle Equitalia: quali sono le date?

Se si vuole capire se è conveniente o meno attendere la prescrizione, è necessario innanzitutto controllare quali sono i termini di prescrizione della cartella esattoriale interessata.

La prescrizione per Irpef, Iva e Irap interviene dopo 10 anni dalla notifica della cartella di Equitalia; simili i tempi di prescrizione del canone Rai.

Invece sono alquanto ridotti i termini per Imu, Tari, e i contributi Inps e Inail: la cartella in questi casi scade dopo 5 anni dalla notifica.

Quindi, nel caso in cui la data di scadenza della cartella da pagare è vicina, probabilmente conviene aspettare che il tempo faccia il proprio corso.

Rottamazione cartelle: cosa dobbiamo pagare?

La rottamazione delle cartelle Equitalia convalidata per il 2017 prevede uno sconto sulle sanzioni dovute sulle somme e sugli interessi di mora, tuttavia obbligherà comunque i debitori a pagare gli altri importi. Nello specifico, sono in ogni caso dovuti, oltre alla somma di base:

  • gli interessi da ritardata iscrizione al ruolo;
  • le somme maturate a titolo di aggio, da calcolare però solo sul capitale e sugli interessi;
  • le spese per le procedure esecutive;
  • le spese di notifica della cartella.

Qui il File per calcolare il risparmio derivante dalla ‘rottamazione cartelle’


CONDIVIDI
Articolo precedenteReferendum Costituzionale: più poteri al premier? E’ rischio autocrazia
Articolo successivoDirigenza: il pudore del Consiglio di Stato sul diritto all’incarico

4 COMMENTI

  1. SAREBBE OPPORTUNO DILAZIONARE IL GIUSTO DA PAGARE E CIOè SOLO LE TASSE SENZA SANZIONI E INTERESSI ALMENO IN 72 RATE COME FANNO PER LECARTELLE SALATE

  2. LO STATO MAFIA, FA LE LEGGI PROPRIO PER LORO, SOLO CHI HA SOLDI E NON HA VOLUTO PAGARE, PUO’ ADERIRE A QUESTA ROTTAMAZIONE, CHI NON HA POTUTO PAGARE SINO ADESSO, NON POTRA’ MAI FARLO IN SOLO 4 RATE, E’ LA SOLITA VERGOGNA ITALIANA, E LA CAMPAGNA ELETTORALE CHE INCALZA

  3. Scusate, questa mi sembra proprio un’ altra presa per i fondelli da parte del governo.
    Secondo voi, se uno/a non è riuscito a pagare delle cartelle esattoriali per problemi economici (crisi dovuta a questo governo) pensate che riesce a pagare il dovuto con la rottamazione in 4 rate bimestrali?
    Chi ha debiti con Equitalia fino a 50.000,00 è meglio pagare con rateizzazione a 72 rate, visto che i bollettini dovrebbero essere circa 60 euro.
    Non vi pare?
    Questo è un mio parere,di certo il governo non ci rimette!!!!!!!!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here