Imu e Tasi 2016

Il  16 dicembre si terrà il secondo appuntamento con Imu e Tasi per chi non ha versato l’intera imposta lo scorso 16 giugno, come ricorda il calendario delle scadenze.

La Legge di Stabilità 2016 prevede il pagamento delle tasse per le prime case di lusso e per gli immobili diversi rispetto all’abitazione principale.

Coniugi con due case in città diverse? Ecco cosa fare:

Tra le novità di recente introdotte dall’ultima Legge di Stabilità, a marito e moglie che hanno una casa ciascuno  in due città diverse, spetta l’esenzione dalle 2 tasse. Questo è stato stabilito da una recente sentenza dalla Commissione Tributaria Provinciale di Brescia, che ha chiarito le condizioni che determinano l’attuarsi dell’esenzione da Imu e Tasi, precisamente:

  • i due immobili devono trovarsi in due Comuni diversi;
  • i soggetti in questione devono aver  fissato la propria residenza presso ciascuna proprietà  comunicandola al Comune di riferimento;
  • gli stessi devono dichiarare la propria dimora abituale in ciascuna abitazione.

Quindi secondo la sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Brescia, per non versare l’imposta prevista da Imu e Tasi è necessario che i due coniugi vivano abitualmente in due proprietà differenti e ognuno di questi abbia fissato dimora e residenza in due Comuni diversi. Ovviamente se il Comune è lo stesso i due soggetti possono chiedere l’esenzione dalle tasse per un solo immobile.

Infine si ricorda che la sentenza emessa dalla suddetta Commissione essendo di primo grado, può avere una diversa interpretazione ad opera di altri giudici, nonostante il Ministero dell’Economia, nella circolare 3/DF del 2012, abbia sostenuto la stessa tesi.

Per maggiori chiarimenti consulta la seguente guida:

Guida completa all’imu - tasi 2016

Guida completa all’imu - tasi 2016

Saverio Cinieri, 2016, Maggioli Editore

Negli ultimi anni, la tassazione degli immobili, a livello locale, ha conosciuto un continuo susseguirsi di modifiche, di nuove regole e di ritorno alle vecchie: le ultime modifiche, in ordine cronologico, sono contenute nella Legge di stabilità 2016 (Legge n. 208/2015).Il manuale...




CONDIVIDI
Articolo precedenteTruffe telefoniche? Settembre il mese più pericoloso. Ecco quali evitare
Articolo successivoAgevolazioni legge 104: novità in arrivo per conviventi e coppie di fatto

1 COOMENTO

  1. In linea di principio è così. Ma ciò riguarda due coniugi che vivono in regime di separazione e quindi di fatto domiciliati abitualmente nelle due residenze. la simulazione anagrafica non è possibile, in quanto il comune può attivare i controlli per verificare la condizione del diritto. Una verifica in tal senso proverà la condizione di vita abituale. Tale dichiarazione può esporre il cittadino a possibile denuncia di falso.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here