pubblica amministrazione

Con una recentissima sentenza (n. 1249/2016) il TAR di Palermo, nel trattare l’ennesimo ricorso sul tema caldissimo tema della formazione professionale ha disposto, “In ragione dell’emersione, nel corso del presente giudizio e sulla base alla documentazione prodotta, di evidenti omissioni, aggravate dal mancato riscontro alle diffide presentate dall’ente ricorrente, da parte dell’Assessorato intimato nell’esercizio delle attività di verifica della sussistenza dei presupposti per l’ammissione al finanziamento della cooperativa Insieme per la Formazione…”, la trasmissione degli atti di causa e dell’emessa sentenza alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo per quanto di rispettiva competenza.

La questione merita di essere evidenziata non solo perchè incide sul curriculum della pluridecorata Patrizia Monterosso, oggi Segretario Generale della Presidenza della Regione. I Funzionari dell’Amministrazione regionale sono, infatti, ancora una volta tacciati d’infedeltà alla Repubblica, cioè quella medesima fedeltà richiesta dalla Costituzione a tutti i cittadini in generale ed a coloro cui sono affidate funzioni pubbliche in particolare. In quest’ultimo caso, la Costituzione richiede che l’esercizio delle funzioni pubbliche sia assicurato con disciplina e onore. Nel tempo, l’ordinamento ha pure richiesto al funzionario pubblico di garantire l’impegno pubblico con onore, diligenza ed etica professionale.

All’obbligo generale di fedeltà va riconnesso un duplice significato: negativo, come obbligo di astenersi dal compiere atti pregiudizievoli degli interessi fondamentali della Repubblica; ma anche positivo, come regola di condotta che impone di operare con la consapevolezza e la volontà di custodire tali interessi.


Rispetto a questo quadro valoriale di riferimento, troppo spesso dimenticato dai diretti interessati, chi esercita una funzione pubblica (legislativa, giudiziaria, amministrativa) sa di dover curare nel migliore dei modi i sottesi interessi pubblici, senza mai ledere immotivatamente i legittimi interessi privati né, tanto meno, i diritti eventualmente soggettivi di questi ultimi. Postulato di questa cornice è che la P.A. non deve essere considerata come un circolo privato sprovvisto di regole ma, al contrario, come uno strumento che cittadini e imprese finanziano, con non pochi sacrifici mensili, attraverso la propria fiscalità.

Tornando al caso in specie, il TAR non ha potuto non rapportare la competente Autorità Giudiziaria del silenzio manifestato dal Dipartimento regionale alla Formazione professionale, dimostratosi sordo e indifferente alle ripetute richieste di controllo notificate allo stesso da un soggetto interessato al procedimento amministrativo. Questa tipologia di silenzio, indagata dal TAR, non è quella più nota del silenzio-assenso, né quella del silenzio-rigetto, ma quella più deplorevole del silenzio-arrogante. Trattasi di una forma particolare di silenzio che oltre ad incidere sulla legittimità del procedimento amministrativo configura quella violazione dei doveri d’ufficio tipizzata dal Codice Penale agli articoli 323 e 328.

Potrebbe interessarti il seguente volume:

Riforma Madia  e pubblico impiego

Riforma Madia e pubblico impiego

Luigi Oliveri, 2015, Maggioli Editore

Il volume analizza specificamente le norme contenute nella Legge 7 agosto 2015, n. 124 dedicate alla nuova disciplina del lavoro pubblico, approfondendo uno per uno i singoli criteri di delega che il legislatore delegante fissa al legislatore delegato.1Si affrontano, così, i temi delicati...




CONDIVIDI
Articolo precedenteVendere casa online, come? Ecco cosa fare in 7 punti
Articolo successivoAutotrasporto: normativa, operatività, tecnologia

1 COOMENTO

  1. Noto con grande soddisfazione che finalmente qualcosa comincia a muoversi nel mondo della dirigenza pubblica. In altra epoca non sarebbe accaduto e per tante ragioni. Vuol dire che il malessere sociale ha toccato l’apice fino a smuovere la coscienza di chi é rimasto fino ad oggi tra l’incudine ed il martello. Anche il Tar ha compreso che non rispondere al cittadino è il più grave dei reati che un funzionario possa compiere. Ciò accade non solo nel mondo della P.A, ma ovunque e in tutte le istituzioni anche in alcuni Tribunali, specie per i minorenni, in cui il giudice sottrae il fascicolo alla disponibilità dell’ufficio, perché il legale deve chiedergli l’autorizzazione, che sempre tarda a venire. Il corretto comportamento, i doveri di ufficio sono corollari giurati, mai rispettati. I cittadini sono stanchi di subire soprusi e violenze morali in un sistema in cui lo Stato con le sue istituzioni dovrebbe essere, ed é per legge, il supremo garante dei diritti. Se la magistratura, quella degli obblighi, si muove su questo fronte, si svuoterebbero per incanto moltissimi uffici in tutto il territorio nazionale e si libereranno tante poltrone occupare inadeguatamente. Non occorre coraggio per questo, basta svegliarsi una mattina dal lungo torpore.
    Io l’ho fatto dal primo giorno del lontano 1970 e nonostante le intimidazioni e le minacce sono ancora presente in questa società ansioso di vedere il nuovo.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here