gettare rifiuti dal balcone

Con la sentenza n. 15662/16 la Cassazione ha ritenuto non meritevole di accoglimento il ricorso proposto da una condomina avverso il Condomino per ottenere il risarcimento dei danni conseguenti al getto di immondizia dai piani superiori nel proprio che la vedeva costretta a provvedere a una tettoia protettiva.

Potrebbe interessarti il seguente volume

I lavori in condominio

I lavori in condominio

V. Amendolagine, 2016, Maggioli Editore

Il volume, aggiornato alla più recente giurisprudenza, analizza le variegate tematiche inerenti il contratto diappalto nel condominio.Ogni tematica affrontata singolarmente nell’opera - che si compone di quattro capitoli, ciascuno dei qualipensato per dare una risposta efficace ed...



Giova ricordare, che il getto di cose pericolose è una fattispecie di reato prevista e punita dal codice penale in particolare dall’art. 674 c.p. che recita:

“Chiunque getta o versa, in un luogo di pubblico transito o in un luogo privato ma di comune o di altrui uso, cose atte a offendere o imbrattare o molestare persone, ovvero, nei casi non consentiti dalla legge, provoca emissioni di gas, di vapori o di fumo, atti a cagionare tali effetti, è punito con l’arresto fino a un mese o con l’ammenda fino a euro 206”.

Ha natura contravvenzionale punibile a titolo di dolo o di colpa.

Alcuni precedenti giurisprudenziali evidenziano che per la sussistenza della contravvenzione non si richiede che il fatto sia stato nocivo alle persone in dipendenza del getto stesso, essendo sufficiente l’attitudine della cosa gettata a cagionare effetti dannosi (Cass. 3 aprile 1988, n. 4537 ).

Il caso

Nel caso di specie la condomina lamentava violazione degli artt. 1703, 1710, 1218, 1129 c.c. in relazione alla sentenza emessa dalla Corte d’ Appello che aveva escluso la responsabilità in capo al condominio e all’amministratore di condominio.

La Suprema Corte intervenuta richiamava il regolamento condominiale.

“In esso si vieta espressamente il lancio di immondizia o di oggetti dai piani superiori prevedendo delle sanzioni in caso di violazioni”.

Conseguentemente, l’evento non poteva imputarsi al condominio perchè non erano stati individuati i “trasgressori”.

Si consiglia anche

Riqualificazione energetica in Condominio: la cessione del credito d'imposta 65%

Riqualificazione energetica in Condominio: la cessione del credito d'imposta 65%

L. De Simone, 2016, Maggioli Editore

Quali regole occorre seguire per procedere correttamente alla cessione del credito d'imposta per lavori di riqualificazione energetica (c.d. Ecobonus 65%) in condominio? La Legge di Stabilità 2016 ha infatti previsto la possibilità di barattare il credito fiscale con le rate...




CONDIVIDI
Articolo precedenteConsorzi di bonifica: cosa dice la normativa? Quali sono gli orientamenti giurisprudenziali
Articolo successivoMatrimonio via Skype con una persona straniera? Riconosciuto anche in Italia

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here