lavoratori autonomi fatture

Per un lavoratore autonomo con partita IVA, l’acquisto di alcuni beni, nel caso venga richiesta la fattura, è solo di un anno e non 2.

Di seguito, cerchiamo di fare chiarezza sulla questione.

Codice del consumo: cosa prevede

Il codice del consumo stabilisce che la garanzia di 2 anni è prevista solo in quei contratti conclusi tra professionista e consumatore. Per quanto riguarda tutti gli altri casi, salvo particolari estensioni riconosciute dal venditore (anche a pagamento), la garanzia legale è di un solo anno.

Definizioni di professionista e consumatore


Che cosa si intende per professionista?

Si tratta di chiunque svolga attività di commercio al dettaglio di beni e/o servizi; pertanto la definizione non è soltanto in senso stretto ma include anche negozi, grandi catene di distribuzione, aziende di trasporto.

Che cosa si intende per consumatore?

Invece, per consumatore si intende un soggetto che acquista il bene per proprio uso personale, indipendentemente dall’attività economica, professionale o imprenditoriale svolta. Ad esempio, un padre di famiglia che compri una tv, un divano, un frigorifero, un computer per la propria casa è da considerarsi un consumatore.

Codice del consumo: quando non si applica?

Tuttavia, il codice del consumo non si applica ai contratti tra professionisti come, ad esempio, fra una catena di elettronica e un soggetto che necessità del bene per la propria attività imprenditoriale o professionale: i computer che il professionista usa nel suo studio, il navigatore satellitare installato dall’agente di commercio nella sua auto per arrivare presso i clienti, la stampante collega dall’imprenditore all’interno della sua azienda, il computer che l’assicuratore usa in ufficio, sono tutti esempi validi di beni usati a fini professionali.

Quando la garanzia è di 1 anno e non di 2

Pertanto, è evidente che nel momento in cui un soggetto chieda la fattura a seguito di un acquisto, la sua intenzione sia di “scaricare” tale cifra dalle tasse, proprio perché tale bene è inerente alla sua attività professionale o commerciale.

In tal senso, interviene nel contratto non in quanto “consumatore” ma piuttosto come “professionista”. Di conseguenza, non applicandosi più il codice del consumo a tali acquisti con fattura, la garanzia è di un anno e non di 2.

Come ottenere una garanzia di 2 anni?

Nel caso si voglia ottenere una garanzia di 2 anni sui prodotti appena comperati, è necessario quindi che il professionista s’astenga dal detrarre l’acquisto dalle tasse e non chieda la fattura. Infatti, è solo con l’emissione dello scontrino che si può presumere che il suo acquisto sia stato fatto a fini personale e in qualità di “consumatore”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteIncidente stradale: quando investire un pedone non è colpa del conducente
Articolo successivoGiornate della Polizia Locale: il Premio Nazionale FISU per la Sicurezza Urbana

2 COMMENTI

  1. L’articolo è inesatto : la presenza o meno della fattura/partita iva non è minimamente menzionate dalla normativa.
    Al contrario il codice del consumo con l’art 131 indica che un venditore che abbia venduto un prodotto ad un consumatore privato può chiedere di far valere i 2 anni di garanzia al suo fornitore (dal quale ovviamente avrà comprato con fattura) e così via ciascun venditore col precedente risalendo la catena in regressione sino al produttore o distributore nel paese

    Quindi questo conferma che anche con la presenza fattura e partita iva la garanzia è 2 anni se il viene comprato a scopo rivendita e venduto ad un consumatore privato.
    Rimane 1 anno in tutti gli altri casi, se il prodotto è acquistato con fattura per essere usato dal professionista (bene strumentale scaricato dalle tasse) perchè non rientra nel codice del consumo ma normato dal codice civile .

  2. se acquisto con fattura dal grossista o altro rivenditore dei prodotti da vendere nel mio negozio non sono un consumatore finale (quindi niente codice del consumo, niente 2 anni garanzia) ma non sono nemmeno beni che compro per scaricare (non li scarico dalle tasse anzi ci pago sopra le tasse sulla rivendita o sul magazzino se non li vendo nell’anno, quindi non è nemmeno 1 anno di garanzia)

    quale legge regola questo aspetto?
    anche perchè al cliente finale io devo fornire 2 anni di garanzia non certo di tasca mia

    a rigor di logica dovrebbero darmi 2 anni

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here