naspi lavoratori stagionali

Il sussidio di disoccupazione Naspi esteso anche ai lavoratori stagionali; è questa la proposta al centro di un progetto di legge presentato dal Partito Democratico.

Lo ha dichiarato la deputata del PD Patrizia Maestri, prima firmataria del pdl, a Labitalia. Il progetto di legge è stato presentato ufficialmente a Montecitorio dalla stessa Maestri e dal Presidente della Commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano.

NASPI: chi riceve il sussidio?

La NASPI, Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego, è un sussidio di disoccupazione introdotto dal decreto attuativo della legge sul Jobs Act n. 22/2015. La Naspi, che ha sostituito la precedente Aspi, consiste in un assegno che spetta ai lavoratori dipendenti, sia a tempo determinato che indeterminato, quando si trovano in stato di disoccupazione involontaria.


Per saperne di più si consiglia il seguente volume

Jobs Act: I Nuovi  Ammortizzatori Sociali

Jobs Act: I Nuovi Ammortizzatori Sociali

Gianna Elena De Filippis - Francesco Russo Lorenzo Sagulo - Sara Salvatori, 2015, Maggioli Editore

Con l’emanazione del Decreto Legislativo 4 marzo 2015, 
n. 22 prosegue la fase di applicazione del Jobs Act, per quanto riguarda le novità in tema di ammortizzatori sociali. Questo nuovissimo volume "Speciale Jobs Act" passa in rassegna i più recenti strumenti di politica...



Quanto dura?

Quindi, chiunque perde il lavoro senza aver presentato dimissioni spontanee, a condizione di aver maturato 13 settimane di contribuzione negli ultimi 48 mesi e di aver accumulato almeno 30 giorni di lavoro nell’anno precedente, riceve un sussidio per un periodo massimo di 24 mesi.

A quanto ammonta?

Per quanto riguarda l’importo della NASPI viene calcolato in base alla retribuzione percepita negli ultimi 4 anni e alle settimane di contribuzione.

Nel caso in cui la retribuzione non supera i 1.195 euro mensili, il sussidio sarà pari al 75% di tale importo; se invece la retribuzione supera tale cifra, il sussidio mensile sarà pari al 75% dell’importo fino ai 1.195 euro e al 25% dell’importo rimanente.

In tutti i casi, l’assegno non può mai superare il tetto dei 1.300 euro lordi al mese. Inoltre, il sussidio NASPI decresce con il tempo: a partire dal 1° giorno del quarto mese di fruizione, infatti, l’importo si riduce del 3% al mese.

Cosa cambia con il nuovo progetto di legge

Il pdl targato Partito Democratico prevede di estendere tale sussidio ai lavoratori stagionali, con particolare riferimento ai “lavoratori del turismo e delle attività termali”, e non solo ai dipendenti delle aziende “ma anche a quelli con contratti in somministrazione e in appalto”.

Come spiegato dalla deputata firmataria Maestri, l’obiettivo è quello di incrementare dal 10 al 40% quanto fissato dalla NASPI nel decreto attuativo.

Tuttavia, l’intervento sarebbe valido esclusivamente per i dipendenti stagionali a partire dal 2° anno di lavoro: i lavoratori al 1° anno, infatti, dovranno in ogni caso continuare ad aderire alla situazione NASPI attuale.

Si tratta comunque di un progetto di legge che punta a “modificare alcune storture del Jobs Act“, pur nella consapevolezza che è impossibile tornare alla situazione precedente, quando “un addetto stagionale aveva diritto a sei mesi di disoccupazione”.

Ora il pdl deve attendere l’esame del Parlamento.


CONDIVIDI
Articolo precedenteRimborso IVA, i requisiti. Quando può essere sospeso?
Articolo successivoMaternità: quando la lavoratrice può dire no al trasferimento

1 COOMENTO

  1. Buongiorno.
    E’ da parecchio che mi pongo una domanda ma non trovo risposta, ovvero: avendo un contratto part time di 20H settimanali per due mesi all’anno posso chiedere qualche tipologia di sussidio ALL’INPS (se rientro magari in qualche requisito dell’ASPI 2016) visto che questo è il quarto anno lavorativo (diciamo di lavoro stagionale con contratto sopracitato).
    grazie mille.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here